Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette

Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori. Come è stato possibile vedere così in profondità? Usando i diamanti.

I diamanti espulsi da centinaia di kilometri di profondità possono fornire preziose informazioni sulla struttura interna del nostro pianeta. I diamanti puri sono fatti unicamente di atomi di carbonio, ma i diamanti puri sono rari, e la maggior parte contiene delle piccole impurità sotto forma di cristalli inclusi all’interno di quelli di diamante. Queste inclusioni portano con sé delle interessanti informazioni sulla storia del minerale che le contiene.

Lo studio, guidato da O. Tschauner dell’Università del Nevada, ha analizzato diamanti provenienti dall’Africa meridionale e dalla Cina. Oltre dodici diamanti contenevano delle inclusioni acquose mai viste prima, note come ghiaccio VII (le forme cristalline dell’acqua, ossia i tipi di ghiaccio, si distinguono in base alla disposizione delle particelle nel reticolo cristallino). Il ghiaccio VII non era mai stato osservato in natura, ma era ben noto in esperimenti di laboratorio ad alta pressione.

L’identificazione di ghiaccio all’interno dei diamanti suggerisce che nel luogo dal quale quei diamanti provengono (molto in profondità, nel mantello terrestre) debba scorrere acqua allo stato fluido, invece che essere legata ai minerali cosiddetti idrati. Alcuni dei diamanti analizzati si dovrebbero essere formati tra i 610 e gli 800 km al di sotto della superficie e quindi si tratterebbe della prima evidenza diretta della presenza di acqua liquida a queste profondità. Resta ignoto, tuttavia, quanto comuni siano queste sacche di acqua e quanto siano grandi.

Fonte: Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Video a confronto che mostrano il vuoto tra Saturno e gli Anelli
Di recente la sonda Cassini ha iniziato la fase della missione denominata come Grand Finale, 22 orbite strette attorno a Saturno che porteranno alla distruzione
Raggi Cosmici, Fulmini e Datazioni al Carbonio
Un nuovo studio dell'Università di Kyoto ha scoperto che le tempeste possono produrre gli stessi isotopi del carbonio che vengono prodotti dai raggi cosmici ed usati per
Muore Alan Bean, il 4° uomo sulla Luna
26 maggio 2018,  Houston: all'età di 86 anni muore Alan Bean, il quarto astronauta ad aver camminato sulla Luna.
Bean ha viaggiato due volte nello spazio per un totale di 69 giorni.
Antimateria: dal laboratorio col furgone
E' risaputo che l'antimateria è difficile da gestire, appena entra in contatto con la materia innesca la reazione nucleare più efficiente di tutte trasformando se stessa e la materia
Un guscio di plasma per i rientri atmosferici
Viaggiare nello spazio non è così semplice come si è portati a pensare. La fantascienza ci offre spesso degli scenari molto idilliaci, in cui viaggiare da un pianeta all'altro
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - Parte I
Questo è il primo di una serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell'atmosfera terrestre: dalla composizione dell'aria che respiriamo
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: