Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette

Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori. Come è stato possibile vedere così in profondità? Usando i diamanti.

I diamanti espulsi da centinaia di kilometri di profondità possono fornire preziose informazioni sulla struttura interna del nostro pianeta. I diamanti puri sono fatti unicamente di atomi di carbonio, ma i diamanti puri sono rari, e la maggior parte contiene delle piccole impurità sotto forma di cristalli inclusi all’interno di quelli di diamante. Queste inclusioni portano con sé delle interessanti informazioni sulla storia del minerale che le contiene.

Lo studio, guidato da O. Tschauner dell’Università del Nevada, ha analizzato diamanti provenienti dall’Africa meridionale e dalla Cina. Oltre dodici diamanti contenevano delle inclusioni acquose mai viste prima, note come ghiaccio VII (le forme cristalline dell’acqua, ossia i tipi di ghiaccio, si distinguono in base alla disposizione delle particelle nel reticolo cristallino). Il ghiaccio VII non era mai stato osservato in natura, ma era ben noto in esperimenti di laboratorio ad alta pressione.

L’identificazione di ghiaccio all’interno dei diamanti suggerisce che nel luogo dal quale quei diamanti provengono (molto in profondità, nel mantello terrestre) debba scorrere acqua allo stato fluido, invece che essere legata ai minerali cosiddetti idrati. Alcuni dei diamanti analizzati si dovrebbero essere formati tra i 610 e gli 800 km al di sotto della superficie e quindi si tratterebbe della prima evidenza diretta della presenza di acqua liquida a queste profondità. Resta ignoto, tuttavia, quanto comuni siano queste sacche di acqua e quanto siano grandi.

Fonte: Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Come funziona l'Atmosfera terrestre? - Parte I
Questo è il primo di una serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell'atmosfera terrestre: dalla composizione dell'aria che respiriamo
Non c'è 9 senza 10: il Sistema Solare oltre Planet 9
Nuovi indizi lasciano intuire la presenza di un nuovo pianeta roccioso, delle dimensioni di Marte, nella fascia di Kuiper. Lo studio è stato effettuato da Kat Volk
Plutone: ecco come si è formata la Sputnik Planitia
Uno studio pubblicato su Nature offre nuove possibilità sulla formazione della Sputnik Planitia, la grande pianura ghiacciata a forma di cuore che caratterizza una buona
L'IAU riconosce i primi 227 nomi delle stelle: elenco completo
Molte delle stelle che conosciamo e delle quali diamo per scontato i nomi non hanno in realtà mai ricevuto il loro nome in maniera ufficiale dalla International
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
Cos'è il Solstizio d'Inverno
Il 21 dicembre 2017, alle 16:28, ricorre il solstizio d'inverno. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione fredda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione
L'astuto Hans - il cavallo che sapeva contare
C'è stato un tempo in cui abbiamo creduto che la comunicazione fra uomo e animale potesse avvenire veramente. Di che tempo stiamo parlando?
Nella Berlino del 1904 viveva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: