Stelle di Wolf-Rayet: luminose ma invisibili

Le stelle variabili eruttive Wolf-Rayet (note semplicemente come stelle WR) sono stelle caratterizzate da una rapida espulsione della propria massa tramite venti solari veloci (fino a 2000 km/s). Hanno massa almeno 20 volte quella del nostro Sole e temperatura superficiale tra i 30.000 e 200.000 K (il Sole arriva a malapena a 6000 K!). La loro elevatissima temperatura fa sì che non siano quasi osservabili nella luce visibile, ma che emettano molto nei raggi ultravioletti e persino nei raggi X.
 
Le WR perdono in genere 1/100.000 di masse solari all’anno a causa dell’intensa attività solare a cui sono soggette. Non si conosce esattamente la causa di questa espulsione, ma l’ipotesi più accreditata è che si tratterebbe di supergiganti rosse con masse tra 20 e 45 masse del Sole che hanno espulso il guscio più esterno di idrogeno sotto forma di venti solari, lasciando scoperto il nucleo di elio. Queste espulsioni vanno poi a generare delle nebulose attorno alla stella, come nel caso della WR124 in foto che ha creato la nebulosa M1-67.
In alternativa queste supergiganti rosse sarebbero potute diventare supergiganti gialle per poi esplodere in supernovae. Si pensa in ogni caso che anche le WR finiscano la loro vita in maniera esplosiva, con supernovae o lampi gamma.
wr124_hubbleschmidt_960
La Wolf-Rayet WR124, a circa 130.000 anni luce da noi, nella costellazione della Freccia, foto di July Schmidt, NASA
Si tratta di stelle piuttosto rare, tanto che se ne conoscono solo circa 500, scoperte tutte dopo il 2000 tramite delle ricerche che miravano proprio a cercare questa tipologia di oggetti nel piano galattico.

BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
Una nuova particella per il CERN di Ginevra
Di oggi la notizia della conferma sperimentale di una nuova particella fondamentale che compone le particelle e da tempo veniva cercata dagli studiosi del campo. Si chiama Ξcc++,
Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
Il Sole è nato in un sistema binario? Forse sì
Un nuovo studio, pubblicato da Steven Stahler e Sarah Sadavoy dell'università di Berkeley e di Harvard, sembra indicare che tutte le stelle, e quindi anche il nostro Sole,
Nat Geo Festival delle Scienze: il programma dell'evento a Roma
Al via il National Geographic Festival delle Scienze presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Da giovedì a domenica: 4 giorni intensi di conferenze,
Lucy e Psyche: 2 nuove missioni NASA per lo studio degli asteroidi
Lucy e Psyche, questi i due nomi delle missioni che la NASA lancerà nel 2021 e nel 2023 per il programma Discovery. Gli obiettivi sono alcuni asteroidi
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra

0 pensieri riguardo “Stelle di Wolf-Rayet: luminose ma invisibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: