Stelle di Wolf-Rayet: luminose ma invisibili

Le stelle variabili eruttive Wolf-Rayet (note semplicemente come stelle WR) sono stelle caratterizzate da una rapida espulsione della propria massa tramite venti solari veloci (fino a 2000 km/s). Hanno massa almeno 20 volte quella del nostro Sole e temperatura superficiale tra i 30.000 e 200.000 K (il Sole arriva a malapena a 6000 K!). La loro elevatissima temperatura fa sì che non siano quasi osservabili nella luce visibile, ma che emettano molto nei raggi ultravioletti e persino nei raggi X.
 
Le WR perdono in genere 1/100.000 di masse solari all’anno a causa dell’intensa attività solare a cui sono soggette. Non si conosce esattamente la causa di questa espulsione, ma l’ipotesi più accreditata è che si tratterebbe di supergiganti rosse con masse tra 20 e 45 masse del Sole che hanno espulso il guscio più esterno di idrogeno sotto forma di venti solari, lasciando scoperto il nucleo di elio. Queste espulsioni vanno poi a generare delle nebulose attorno alla stella, come nel caso della WR124 in foto che ha creato la nebulosa M1-67.
In alternativa queste supergiganti rosse sarebbero potute diventare supergiganti gialle per poi esplodere in supernovae. Si pensa in ogni caso che anche le WR finiscano la loro vita in maniera esplosiva, con supernovae o lampi gamma.
wr124_hubbleschmidt_960
La Wolf-Rayet WR124, a circa 130.000 anni luce da noi, nella costellazione della Freccia, foto di July Schmidt, NASA
Si tratta di stelle piuttosto rare, tanto che se ne conoscono solo circa 500, scoperte tutte dopo il 2000 tramite delle ricerche che miravano proprio a cercare questa tipologia di oggetti nel piano galattico.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Nubi di metano su Titano


Durante il flyby del 7 maggio 2017, la sonda Cassini ha osservato queste chiare nubi di metano su Titano, luna di Saturno. Le macchie scure sono invece mari e laghi di idrocarburi presenti
Cos'è il Solstizio d'Inverno
Il 21 dicembre 2018, alle 22:22, ricorre il solstizio d'inverno. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione fredda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
Nikola Tesla: 161 anni dalla nascita

Oggi nel lontano 1856 nasceva Nikola Tesla nella cittadina serba di Smiljan, ricordato come l'inventore del ventesimo secolo.
Eclettico, Tesla ha vissuto una vita travagliata, ricordiamo
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in
Manuale di Fisica e Buone Maniere: recensione del libro

“Manuale di fisica e buone maniere” il racconto di occasioni perdute. Ambientato principalmente a Londra, il romanzo descrive il complesso rapporto sentimentale
La lotta tra l'uomo ed il bradipo, immortalata nelle impronte fossili
Tra i 10.000 ed i 15.000 anni fa, un bradipo terricolo gigante (un grosso animale ormai estinto) camminava tranquillo nel White Sands National Monument,

0 pensieri riguardo “Stelle di Wolf-Rayet: luminose ma invisibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: