Mare Caloris ed il vulcanismo di Mercurio

Nonostante possa sembrare una fotografia del suolo lunare questa immagine rappresenta la superficie di Mercurio, il più piccolo pianeta roccioso del nostro Sistema Solare. Tra i numerosi crateri visibili, uno in particolare ha attirato l’attenzione degli studiosi.

mercury_apod
La superficie di Mercurio ripresa dalla sonda Mariner 10, NASA

La superficie del pianeta è completamente crivellata di crateri da impatto meteorico (magnificamente conservati grazie alla mancanza di atmosfera) impostati su dure rocce laviche; sembra che il pianeta infatti abbia affrontato due tipi di vulcanismo durante il suo sviluppo: un primo vulcanismo effusivo, caratterizzato da colate laviche ora difficilmente distinguibili, ed un secondo – e non troppo antico- vulcanismo esplosivo con annessi depositi piroclastici.

weird terrain
Mare Caloris, visibile sulla sinistra, è il più grande cratere da impatto su Mercurio

Tra i numerosi crateri spicca il maggiore del pianeta, denominato Mare Caloris. Questo è stato generato da un impatto di tale violenza da far risentire i propri effetti su scala planetaria! L’impatto, oltre a lasciare una visibile cicatrice costituita dai bordi del cratere alti oltre 2 km, ha innescato una serie di eruzioni effusive molto produttive. Impressionante è poi la morfologia della corrugata zona che si trova agli antipodi del cratere: secondo il professor Peter Schultz della Brown University le onde d’urto generate a seguito del grande impatto hanno viaggiato attorno al pianeta e, una volta giunte nel punto di convergenza nella sopracitata zona antipodale, avrebbero provocato una serie di fratturazioni e sollevamenti relativi dei blocchi di roccia fino a formare questa “weird terrain”.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La fisica della buona pizza
La cucina è un vero e proprio laboratorio di fisica da cui si può imparare molto delle leggi che la regolano. Ma è anche vero il contrario, ossia che i principi della fisica possono essere
Titano: due nuovi studi pubblicati grazie ai dati di Cassini
Un gruppo di ricercatori della Cornell University ha pubblicato due nuovi studi su Titano, la luna più grande di Saturno, condotti grazie ai risultati della
Betelgeuse fotografata da ALMA in alta risoluzione

Per quanto si aumentino gli ingrandimenti, da un telescopio amatoriale quel punto arancione resterà sempre un punto. Diverso è se il telescopio non è amatoriale ma
Nat Geo Festival delle Scienze: il programma dell'evento a Roma
Al via il National Geographic Festival delle Scienze presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Da giovedì a domenica: 4 giorni intensi di conferenze,
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra
Le 7 scoperte dei primi 1000 giorni di MAVEN
A novembre 2014 la sonda della NASA MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile EvolutioN) si è inserita nell'orbita marziana ed ha iniziato lo studio della sua atmosfera. Ecco i 7
Scoperta la sorgente della nova del 1437
Alcuni astronomi coreani annotarono la visione di una nova l'11 marzo del 1437. Uno studio pubblicato su Nature e condotto da un team newyorkese ne ha identificata l'origine.



Scorpii

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: