Plutone sotto i riflettori – Parte IV: i venti solari

A luglio 2015 la sonda New Horizons è giunta vicino al pianeta nano più famoso del Sistema Solare. Dopo mesi di analisi dei dati ottenuti, il team di ricerca della New Horizons ha deciso di pubblicare i risultati di queste analisi in una serie di articoli su Science.

Oggi parliamo delle interazioni di Plutone con il suo ambiente esterno, concentrandoci sugli effetti che i venti solari hanno sul pianeta nano. 

F1.large
Una rappresentazione dell’interazione del vento solare con Plutone

L’intensità delle interazioni dipende dalla velocità con cui le particelle atmosferiche fuggono dagli strati esterni dell’atmosfera. Nel caso di un flusso intenso di queste particelle si genera un’interazione simile a quella delle comete, in cui la regione di interazione è molto più grande dell’oggetto; nel caso di flusso debole si ha un’interazione di tipo marziano, in cui la regione interessata è di dimensione simile a quella del pianeta. In altre parole, se molte particelle fuggono dall’atmosfera il vento solare interagisce con esse in misura considerevole anche lontano dal pianeta, altrimenti l’interazione si ha quasi solo nell’intorno di esso.

Prima del passaggio ravvicinato della sonda New Horizons, la fuga atmosferica era stimata tra 1025 e 1028 molecole al secondo. Si riteneva che questi valori, ad una distanza dal Sole pari a quella di Plutone, avrebbero dovuto generare una regione di interazione che si estende da 7 a 1000 raggi di Plutone e quindi generare un’interazione di tipo cometa.

Lo strumento SWAP (Solar Wind Around Pluto) a bordo della New Horizons ha rilevato che l’intensità del vento solare vicino a Plutone sono circa costanti e più forti del previsto. La presenza delle particelle dovrebbe essere osservabile tramite un rallentamento dei venti solari. Fino ad una distanza pari a 20 raggi di Plutone questo rallentamento non si è osservato, mentre è pari al 20% a circa 6 raggi di distanza. Questo è un valore piuttosto piccolo, che riporta quindi ad una interazione di tipo Marte, ed è consistente con un valore di fuga delle particelle di circa 6 x 1025 molecole di metano al secondo. Dietro Plutone, la perturbazione al vento solare si può rilevare fino ad una distanza pari a ben 400 raggi di Plutone.

[1] F. Bagenal et al., Pluto’s interaction with its space environment: solar winds, energetic particles and dust, Science Magazine

L'ultimo viaggio di Stephen Hawking
Venerdì scorso è avvenuta la cerimonia in cui sono state interrate le ceneri di Stephen Hawking presso l'Abbazia di Westminster, dove giacciono le spoglie di Newton e Darwin.
A seguito
Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della
Hayabusa2: approfondimento sulla missione della JAXA
Hayabusa2 è l'erede della misione Hayabusa (dal giapponese, falco pellegrino). Hayabusa nel 2005 ha visitato l'asteroide (25143) Itokawa, osservandolo per circa 2 mesi
Il paradosso di Achille e la tartaruga
Eccoci tornati con il nostro solito articolo sui paradossi. Stavolta prenderemo in considerazione un paradosso molto famoso e conosciuto da tutti, o quasi: il paradosso di Achille
Le sosia di Eta Carinae
Eta Carinae è la stella più luminosa e massiccia tra quelle site a meno di 10 000 anni luce dalla Terra ed è particolarmente rinomata per la sua grande eruzione che negli anni 40 dell'800 la ha
OSIRIS-REx e Bennu: si comincia



Il 17 agosto la sonda della NASA OSIRIS-REx ha ottenuto le sue primissime immagini dell'obiettivo della missione: l'asteroide Bennu. Da una distanza di 2.2 milioni di chilometri,
Perché Facebook ha bloccato l'esperimento sull'IA
Se al supermercato vi accorgeste che la bilancia con cui il salumiere vi sta pesando qualcosa fosse tarata male, che fareste? Lo fermereste e gli chiedereste di ripetere

0 pensieri riguardo “Plutone sotto i riflettori – Parte IV: i venti solari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: