Se il vicino è un enorme buco nero

Un team internazionale di astrofisici ha rilevato la presenza di un buco nero supermassiccio posto in una galassia relativamente vicina alla nostra.

Cutout_HST_7886_22_NIC_NIC2_total_sci_NGC_1600
NGC 1600 fotografata da Hubble Space Telescope

Il buco nero presentato da J. Thomas et al. sulla rivista Nature si trova a 200 milioni di anni luce da noi (in NGC 1600, nell’Eridano) ed ha una massa pari a circa 17 miliardi di masse solari.
Forse non si tratta di un valore da record, perché questo potrebbe essere detenuto da un buco nero in NGC 4889, nell’ammasso della Chioma, che con grande incertezza si stima avere una massa compresa tra 3 e 21 masse solari; oltre alla precisione nella misura della sua massa, compresa tra 15.5 e 18.5 miliardi di masse solari, la particolarità di questo buco nero sta nel fatto che è stato trovato una galassia a bassa densità di stelle. Finora, infatti, buchi neri così massicci erano stati trovati soprattutto in galassie molto grandi e dense. Ciò suggerisce che potrebbero essere oggetti molto più comuni di quanto crediamo.

Si ritiene che in realtà potrebbe trattarsi non di un singolo buco nero, ma di una coppia di buchi neri che orbitano in un sistema binario. E’ un fenomeno non troppo fuori dal comune, simile a quello che ha portato al primo rilevamento di un’onda gravitazionale.

Si tratta del primo risultato del progetto MASSIVE, un progetto di osservazione iniziato nel 2014 che ha lo scopo di analizzare e studiare 100 galassie vicine.

[1] J. Thomas et al,  A 17-billion-solar-mass black hole in a group galaxy with a diffuse coreNature
[2] Media INAF, C’è un buco nero di grossa taglia vicino a noi

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

C'è Spazio Per Tutti, Rat-Man arriva sull'ISS - Recensione del fumetto
Paolo Nespoli è un grande astronauta italiano, attualmente per la terza volta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Rat-Man è il simpaticissimo
6 GIF che parlano della meteorologia di Marte


Le immagini di Marte spesso ci danno l'impressione che Marte sia un pianeta morto e statico, caratterizzato solamente da qualche sporadica tempesta di sabbia. In realtà
Storia universale della natura e teoria del cielo
Immanuel Kant aveva ventisette anni  quando lesse una recensione del libro "An original Theory of the universe" dell'inglese Richard Wright. Era il 1751 e il giovane Kant,
Eclissi di Luna 27 luglio 2018: ecco tutti gli eventi
Associazioni di astrofili, università, o iniziative di privati cittadini: l'eclissi di Luna di venerdì attira l'attenzione di tutti. La notte del 27 non sarà solo
Quelle molecole organiche su Cerere
Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di
Medaglie Fields 2018, l'italiano Alessio Figalli tra i vincitori

La medaglia Fields, in onore del professor John Charles Fields, è un premio che viene assegnato ogni quattro anni in occasione del congresso internazionale
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: