Se il vicino è un enorme buco nero

Un team internazionale di astrofisici ha rilevato la presenza di un buco nero supermassiccio posto in una galassia relativamente vicina alla nostra.

Cutout_HST_7886_22_NIC_NIC2_total_sci_NGC_1600
NGC 1600 fotografata da Hubble Space Telescope

Il buco nero presentato da J. Thomas et al. sulla rivista Nature si trova a 200 milioni di anni luce da noi (in NGC 1600, nell’Eridano) ed ha una massa pari a circa 17 miliardi di masse solari.
Forse non si tratta di un valore da record, perché questo potrebbe essere detenuto da un buco nero in NGC 4889, nell’ammasso della Chioma, che con grande incertezza si stima avere una massa compresa tra 3 e 21 masse solari; oltre alla precisione nella misura della sua massa, compresa tra 15.5 e 18.5 miliardi di masse solari, la particolarità di questo buco nero sta nel fatto che è stato trovato una galassia a bassa densità di stelle. Finora, infatti, buchi neri così massicci erano stati trovati soprattutto in galassie molto grandi e dense. Ciò suggerisce che potrebbero essere oggetti molto più comuni di quanto crediamo.

Si ritiene che in realtà potrebbe trattarsi non di un singolo buco nero, ma di una coppia di buchi neri che orbitano in un sistema binario. E’ un fenomeno non troppo fuori dal comune, simile a quello che ha portato al primo rilevamento di un’onda gravitazionale.

Si tratta del primo risultato del progetto MASSIVE, un progetto di osservazione iniziato nel 2014 che ha lo scopo di analizzare e studiare 100 galassie vicine.

[1] J. Thomas et al,  A 17-billion-solar-mass black hole in a group galaxy with a diffuse coreNature
[2] Media INAF, C’è un buco nero di grossa taglia vicino a noi

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Viaggio nella costellazione di Orione
Alle nostre latitutidini, la costellazione di Orione è una delle più evidenti nei cieli invernali, e nasconde alcune delle più grandi meraviglie facilmente accessibili che il cielo
Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette
Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori.
Prima nana bruna scoperta grazie a Backyard Worlds: Planet 9
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del Sistema
Prossima fermata: Ultima Thule

Ormai ci siamo quasi: New Horizons è prossima al flyby presso l'asteroide Ultima Thule. Si tratta del corpo più lontano ed antico mai osservato da vicino e che ci fornirà perciò preziosissime
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Un videogame per imparare la fisica
Un varco spazio-temporale ha inghiottito l’alieno Zot, mentre era intento a pescare un pesce triclope sul suo pianeta viola, e lo ha catapultato sulla Terra. Dovrà far funzionare la
Trump ci riporterà sulla Luna?
Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, l'11 dicembre ha firmato una direttiva che richiede alla NASA di tornare sulla Luna. L'ordinanza presidenziale è stata effettuata senza indicazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: