Marte all’opposizione, uno spettacolo da non perdere

Un pianeta si dice all’opposizione quando la Terra si trova tra esso ed il Sole. Queste sono le condizioni migliori per osservare il Pianeta Rosso, che si trova ad essere uno degli astri più luminosi del cielo.

Oggi, domenica 22 maggio, Marte raggiungerà l’opposizione ed il 30 raggiungerà la minima distanza dalla Terra. Unitamente al fatto che è visibile fin dalle prime ore della notte, non esistono forse condizioni migliori per l’osservazione del Pianeta Rosso. Esso sorgerà a Sud Est nelle prime ore della notte e tramonterà a Sud Ovest poco prima dell’alba.

In questa immagine della NASA si può vedere bene la differenza di dimensioni apparenti di Marte.

mars3

Il Telescopio Spaziale Hubble non si è lasciato sfuggire questa ghiotta occasione ed ha scattato delle bellissime fotografie del pianeta.

mars1
mars2

Non lasciatevelo sfuggire!

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il paradosso di Achille e la tartaruga
Eccoci tornati con il nostro solito articolo sui paradossi. Stavolta prenderemo in considerazione un paradosso molto famoso e conosciuto da tutti, o quasi: il paradosso di Achille
A caccia di Asteroidi!
Le missioni spaziali non hanno come unico obiettivo i corpi celesti di grandi dimensioni, come i pianeti del nostro sistema solare e le loro lune, ma anche i corpi celesti più piccoli: gli asteroidi.

Vediamo
Un laboratorio a portata di smartphone
Forse non potrà ancora fare il caffè espresso però da oggi il nostro smartphone si trasforma in un perfetto laboratorio di fisica.

Grazie a Phyphox, acronimo per PHYsics PHOne eXperiment,
Il quinto stato della materia
Questo grafico rappresenta la variazione di densità di una nuvola di atomi che viene raffreddata (andando da sinistra verso destra) fino a temperature prossime allo zero assoluto. Possiamo
Trump ci riporterà sulla Luna?
Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, l'11 dicembre ha firmato una direttiva che richiede alla NASA di tornare sulla Luna. L'ordinanza presidenziale è stata effettuata senza indicazioni
Onde Gravitazionali: la prima volta di LIGO e VIRGO
Il 27 settembre 2017, la Collaborazione Virgo e la Collaborazione LIGO hanno annunciato la prima osservazione di onde gravitazionali ottenuta tramite il lavoro congiunto
N6946-BH1: storia di una supernova fallita
Dagli attuali modelli stellari risulta che le supernovae che osserviamo sono meno del previsto. Un nuovo studio, effettuato tramite Lbt, Hubble e Spitzer, potrebbe risolvere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: