Quel pugnale venuto dal cielo

Il pugnale del più rinomato faraone egizio è stato costruito utilizzando del ferro di origine meteoritica. Lo studio pubblicato su Meteoritics & Planetary Science porta un importante contributo italiano.

Tutankhamon
La maschera funeraria di Tutankhamon, esposta al museo del Cairo, è costituita principalmente da oro massiccio, lapislazzuli e paste vitree.

maps12664-fig-0002

Le meteoriti cadono con continuità su tutta la Terra. Sulla maggior parte della superficie risulta però difficile distinguerli dalle altre rocce terrestri, anche a causa dei processi di alterazione che subiscono: ciò non è vero in luoghi come l’Antartide o i deserti, in cui perciò assistiamo ad una maggiore quantità di rocce extra-terrestri rinvenute.

Non fa eccezione ovviamente il deserto egiziano, dove i fabbri che crearono il pugnale di Tutankhamon avrebbero prelevato una meteorite per utilizzarne il ferro nella fabricazione del pugnale del faraone (in foto a destra).
Così è risultato dallo studio svolto da un gruppo di ricerca internazionale in cui è stato determinante il contributo italiano, tramite i politecnici di Milano e Torino, università di Pisa e CNR, che hanno affiancato il museo del Cairo, l’università di Fayoum e la società XGlab.

Tutankhamon visse nell’età del bronzo, in cui l’utilizzo di ferro nella fabbricazione di utensili era molto raro. L’apparizione sporadica di questo metallo nei manufatti ha favorito l’ipotesi che si trattasse di ferro di origine meteoritica. Si è dibattuto a lungo – fin dalla scoperta del sarcofago di Tutankhamon nel 1925 – e si sono svolte varie analisi sul pugnale in questione, giungendo sempre a risultati controversi.

La composizione del pugnale, misurata tramite la tecnica della spettrometria a raggi X, è risultata essere di ferro arricchito con 10.8 % (in massa) di nichel e 0.58 % di cobalto e questa composizione conferma con forza l’ipotesi dell’origine meteoritica del pugnale, in quanto si tratta proprio delle percentuali tipiche degli elementi nelle meteoriti ferrose.

[1] D. Comelli et al, The Meteoritic origin of Tutankhamun’s iron dagger blade, Meteoritics & Planetary Science

2061: Il Ritorno della Cometa - Recensione del Libro
Un nonno racconta al nipotino una storia. È la sua storia e quella dell'Italia e del mondo, così come l'ha vissuta e come la ricorda. È il passaggio di testimone tra
Il paradosso di Achille e la tartaruga
Eccoci tornati con il nostro solito articolo sui paradossi. Stavolta prenderemo in considerazione un paradosso molto famoso e conosciuto da tutti, o quasi: il paradosso di Achille
Tutorial: come costruire una molecola isolata a partire da 2 atomi
La reazione chimica più controllata al mondo, eseguita da un gruppo di ricerca della Harvard University, è consistita nell'unione di due atomi per ottenere
Ultima Thule, quando la prospettiva inganna
Pupazzo di neve o scamorza affumicata? Sembrerebbe nessuno dei due, infatti la forma di Ultima Thule è probabilmente diversa da quella che sembrava ad un primo sguardo.


Una
OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io
Strumenti dal passato: la macchina di Anticitera
Vi siete mai chiesti quali strumenti venissero utilizzati nell'antichità per la misurazione delle fasi lunari o per il movimento dei pianeti? Se non avete mai letto niente
Stephen Hawking: una riflessione sull'uomo
Ieri, 14 marzo 2018, è morto Stephen Hawking. Abbiamo letto messaggi, riflessioni e commemorazioni di tutti i tipi sul web, ad indicare quanto fosse una figura amata da molti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: