Cosa significa il #Brexit per i programmi spaziali

Ormai è noto che il 23 giugno 2016 i cittadini del Regno Unito hanno votato per il leave, l’uscita dall’Unione Europea. A cosa può portare questo risultato, se verrà messo in atto, nell’ambito delle politiche spaziali inglesi ed europee?

brexit-the-uk-games-industry-how-leaving-the-eu-could-negatively-effect-one-of-the-wo-1033206

C’è da dire innanzitutto che l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) non è un’istituzione dell’Unione Europea e vede la partecipazione di stati, come la Svizzera o la Norvegia, che non fanno parte dell’UE, e la collaborazione di agenzie spaziali, come quella canadese, che non si trovano neanche in Europa. Perciò, l’uscita del Regno Unito dall’UE non significherebbe un’uscita dall’ESA.

Nonostante ciò, alcuni programmi spaziali europei, come Galileo o Copernicus, sono progetti esplicitamente dell’Unione Europea. Questi vedono perciò la partecipazione del Regno Unito come membro dell’Unione, e potrebbero perciò subire conseguenze anche gravi nel caso si realizzi il risultato del referendum.

Oltre a ciò, le cose si complicherebbero senz’altro per i lavoratori inglesi nell’ESA, che si troverebbero ad essere extracomunitari a tutti gli effetti, e perderebbero perciò i privilegi e le facilitazioni previste per i cittadini dell’UE.

Le trattative che necessariamente si svolgeranno nel momento in cui il Regno Unito comunicherà ufficialmente la sua decisione all’Unione Europea, sperabilmente porteranno a buoni accordi tra le due parti che potranno evitare problemi ai programmi di ricerca.

Per approfondire:

[1] AstronautiNews: Brexit e le sue conseguenze sullo spazio europeo

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Nuclei Galattici Attivi nelle Meduse
Il vento di gas generato dal moto della galassia può generare un Nucleo Galattico Attivo a partire dal buco nero centrale. Lo studio pubblicato su Nature ed eseguito da un team dell'INAF
OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io
Che cos'è l'effetto Yarkovsky, il rinculo termico degli asteroidi

L'effetto Yarkovsky è la forza netta agente su un oggetto rotante nello spazio dovuta all'emissione anistropa di fotoni termici.
Che significa? Significa
Il cratere dell'eclissi
Lunedì 21 gennaio 2019 la Luna si è tinta di rosso a causa dell'ostruzione dei raggi solari da parte della Terra. Durante l'eclissi totale molti fotografi si sono potuti stupire nel notare un piccolo
Storia dell'acqua marziana

Su Marte c'è acqua, e molte evidenze suggeriscono che in passato ve ne fosse molta di più. Come si è formata? Dove è andata a finire? In questo articolo presentiamo lo stato dell'arte sulle
SpaceX: SES-10 Primo Lancio con un razzo riutilizzato

Stanotte, alle ore 00:27 italiane, il Falcon9 della SpaceX porterà in orbita il decimo satellite geostazionario per le telecomunicazione della costellazione SES.


Cos'ha
Come funziona l'anestesia?


Oggi tutti sappiamo che per subire un’operazione è necessario sottoporsi ad un trattamento anestesiologico onde evitare dolori eccessivi.

Ma come funziona esattamente? Per spiegare questo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: