Domande e risposte sugli asteroidi

Tolti Sole, pianeti di vario tipo e comete, ciò che resta nel Sistema Solare è costituito sostanzialmente da asteroidi. Si tratta prevalentemente di corpi rocciosi di dimensione e massa ridotta che in rari casi possono rappresentare un pericolo. Una serie di domande e risposte per chiarire alcuni concetti.

Vesta.jpg
Vesta, uno dei più grandi asteroidi della fascia principale.

Asteroidi, meteoroidi, meteoriti, sono la stessa cosa?

Non proprio. Gli asteroidi sono corpi simili ai pianeti rocciosi, ma molto più piccoli e di forma irregolare. I meteoroidi sono asteroidi molto piccoli. Se qualche frammento di meteoroide entra nell’atmosfera terrestre e sopravvive all’attrito viscoso, abbiamo un meteorite.

Come si definisce un asteroide?

Gli asteroidi sono dei corpi situati nel Sistema Solare, simili ai pianeti rocciosi; tuttavia differiscono da questi in quanto hanno dimensioni in genere minori di 1 km e la loro forma è quasi sempre irregolare. Nel Sistema Solare si contano oltre 600.000 asteroidi catalogati, e probabilmente molti altri saranno scoperti in futuro. Gli asteroidi vengono classificati in base alle loro caratteristiche spettrali; la classificazione SMASS, nata nel 2002, è quella attualmente più utilizzata:

  • Gruppo C: asteroidi carboniosi, comprendono i sottogruppi B, Cg, Ch, Cgh, Cb
  • Gruppo S: asteroidi silicati, comprendono i sottogruppi A, Q, R, K, L, S, Sa, Sq, Sr, Sk, Sl.
  • Gruppo X: asteroidi metallici, comprendono i sottogruppi X, Xe, Xc, Xk
  • Tipo T
  • Tipo D
  • Tipo Ld
  • Tipo O
  • Tipo V

Per i dettagli.

Dove si trovano gli asteroidi? 

La maggior parte degli asteroidi rocciosi si trovano nella fascia principale di asteroidi, situata tra Marte e Giove, tra 2 e 4 UA dal Sole.
Gli asteroidi Troiani si trovano nei punti lagrangiani L4 e L5 Giove-Sole, ossia due dei punti in cui l’attrazione gravitazionale del Sole e quella del gigante gassoso si annullano.
Molti asteroidi si trovano anche nella fascia di Kuiper, una grande regione del Sistema Solare che si trova oltre l’orbita di Nettuno e che è costituita da corpi minori e pianeti nani (tra i quali anche Plutone). Si tratta perlopiù di asteroidi costituiti da sostanze volatili e ghiaccio di ammoniaca e acqua.

Perché non si aggregano in pianeti?

La presenza di Giove impedisce agli asteroidi della fascia principale di aggregarsi in plantesimi e poi in pianeti. Infatti il passaggio del gigante gassoso fornisce energia a questi piccoli oggetti, impedendo il processo detto di gravitational focusing, ossia l’aggregazione di più corpi in corpi più grandi. Questo processo necessita di un certo rallentamento relativo tra i corpi che potrebbero unirsi, ma viene inibito dall’accelerazione che imposta dal passaggio di Giove.

Li dobbiamo temere?

Esiste una classe di Asteroidi, detti Near Earth Asteroids (NEA) che si trovano per l’appunto vicini alla Terra e sono quindi potenzialmente pericolosi. Il Near Earth Object Program della NASA monitora costantemente l’avvicinamento di tali oggetti anche per verificarne la potenziale pericolosità.
In linea di massima, le comete sono di gran lunga più pericolose degli asteroidi, in quanto arrivano a grandi velocità e risultano visibili solo quando si trovano a meno di 3 UA e si comincia a formare la coda: si ritiene che a far estinguere i dinosauri sia stata una cometa e non un asteroide.
La seguente tabella sintetizza ad ogni modo la frequenza degli impatti di asteroidi in base alla loro dimensione e all’energia liberata dal loro impatto.

images.png
La morale è: possiamo dormire tranquilli; è bene mantenere un occhio vigile agli asteroidi per poter ideare una strategia in tempo per prevernirne gli effetti disastrosi, ma i fattori di rischio sono molto più elevati nella vita di tutti i giorni.

Per approfondimenti:

[1] Oil Project, Asteroidi, Meteore, Meteoriti e Comete

[2] M.Brown, The Science of the Solar System, Coursera

[3] Il Caffè Geopolitico, Pericolo Asteroidi: facciamo chiarezza

[4] Scienza Giovane, Asteroidi

[5] In Italia abbiamo crateri da impatto? Conoscete il cratere del Sirente? 

[6] Gli asteroidi potrebbero in futuro essere sfruttati per i preziosi minerali che li costituiscono. Ma chi si può assicurare la proprietà di un asteroide? 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Yusaki Maezawa, il progetto #dearMoon ed il BFR
Lunedì 17 Settembre 2018 alle 6.00 pm EST (3.00 am del 18 Settembre 2018 CET) c'è stata la conferenza stampa presso il quartier generale della SpaceX in California ed è
Onde Gravitazionali: la prima volta di LIGO e VIRGO
Il 27 settembre 2017, la Collaborazione Virgo e la Collaborazione LIGO hanno annunciato la prima osservazione di onde gravitazionali ottenuta tramite il lavoro congiunto
Cos'è il Solstizio d'Inverno
Il 21 dicembre 2018, alle 22:22, ricorre il solstizio d'inverno. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione fredda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
Al via la nuova stagione di Superquark
Da mercoledì 4 luglio 2018 in prima serata su Rai Uno torna Superquark, la migliore trasmissione di divulgazione scientifica della televisione italiana. 
Un po’ tutti gli italiani
Scoperta una nuova luna nella fascia di Kuiper
2007OR10 è il nome del terzo pianeta nano in ordine grandezza nella regione transnettuniana, la regione in cui gli oggetti orbitano almeno in parte al di fuori dell'orbita
In arrivo l'Asteroid Day 2017
Il 30 giugno prossimo si terrà la terza edizione dell’Asteroid Day, evento internazionale per gli appassionati di asteroidi e per coloro che li temono.



In occasione dell’evento tutte

2 pensieri riguardo “Domande e risposte sugli asteroidi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: