L’addio di Hitomi

Ricordate il satellite Hitomi? Quello che poco dopo l’entrata in orbita è andato in frantumi? Oltre a qualche detrito nello spazio qualcosina in eredità Hitomi ce lo ha lasciato: prima di morire è riuscito a raccogliere dati sulla galassia di Perseo che potrebbero svolgere un ruolo chiave nella comprensione dell’evoluzione delle galassie.

13653343_10157102012925285_1270579993488377425_o.jpg
La foto di NGC 1275, la galassia nella costellazione di Perseo fotografata da Hitomi. Fonte: NASA

Il 17 febbraio 2016 l’agenziale spaziale giapponese (JAXA) ha lanciato il satellite Hitomi, un osservatorio spaziale a raggi X. Purtroppo un difetto di progettazione ha portato alla sua frantumazione in orbita, impedendo lo svolgimento delle attività previste. Ad ogni modo, il satellite ha potuto inviare dati per quasi un mese dal lancio.

Il team di Hitomi ha pubblicato uno studio su Nature in cui sfruttando questi dati si è potuta studiare la galassia NGC 1275, nella costellazione di Perseo, concentrandosi sul buco nero supermassiccio presente nel suo nucleo.

Nelle fasi di assorbimento circostante, questi buchi neri supermassicci sono in grado di rilasciare grandi quantità di energia nel proprio circondario, generando delle bolle di plasma caldo che viaggiano tra le galassie. Queste bolle avrebbero il ruolo fondamentale di scaldare il gas presente nella galassia, impedendone la contrazione gravitazionale in stelle e pianeti.

[1] Media INAF, Hitomi ci svela Perseo

Guida ai più grandi satelliti di Giove
Eccoci con il secondo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall'instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della
Plutone: ecco come si è formata la Sputnik Planitia
Uno studio pubblicato su Nature offre nuove possibilità sulla formazione della Sputnik Planitia, la grande pianura ghiacciata a forma di cuore che caratterizza una buona
6 GIF che parlano della meteorologia di Marte


Le immagini di Marte spesso ci danno l'impressione che Marte sia un pianeta morto e statico, caratterizzato solamente da qualche sporadica tempesta di sabbia. In realtà
Forma dell'Universo: un'introduzione

"Spiegare un singolo fenomeno può coinvolgere molte, se non tutte, leggi fondamentali [della Fisica]. Forse, il primo problema in Fisica che l'Uomo ha provato a risolvere per pura
Breve storia del telescopio spaziale Hubble
È il 24 Aprile del 1990, tira un'aria fredda nel complesso di lancio 39, presso il John F. Kennedy Space Center. Le persone sono in visibilio e c'è una tale confusione in giro
Tutorial: come costruire una molecola isolata a partire da 2 atomi
La reazione chimica più controllata al mondo, eseguita da un gruppo di ricerca della Harvard University, è consistita nell'unione di due atomi per ottenere
Il polo sud di Giove durante il flyby del 2 febbraio


Grandi cicloni ruotano attorno al polo sud di Giove, di quando in quando interrotti da ovali bianchi, in questa foto scattata dalla JunoCam a bordo della sonda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: