#IspiratiDagliAstri: Genesis – Watcher of the Skies

Nono appuntamento con la rubrica #IspiratiDagliAstri: ogni venerdì verrà pubblicata sul blog una musica, a tematica astronomica o semplicemente che riporta ad un’atmosfera cosmica. Dalla musica classica allo space rock, dalle colonne sonore di film di fantascienza all’ambient, verranno condivise musiche di vario genere ispirate all’universo ed al mondo dell’astronomia.

Questa settimana ascoltiamo Watcher of the Skies, dei Genesis. Il brano è ispirato a Childhood’s End, romanzo di fantascienza di Arthur C. Clarke e parla di un alieno che osserva la Terra rimasta deserta dopo l’autodistruzione della specie umana.

Due giganti gassosi in formazione per ALMA
Due pianeti gioviani in formazione attorno a HD 169142, a 470 anni luce da noi, sono stati osservati da un team di ricerca guidato da Davide Fedele, dell'INAF di Firenze.

Il
Strumenti dal passato: la macchina di Anticitera
Vi siete mai chiesti quali strumenti venissero utilizzati nell'antichità per la misurazione delle fasi lunari o per il movimento dei pianeti? Se non avete mai letto niente
Tutti i premi Nobel 2018
Dal 1 all'8 ottobre 2018 sono stati annunciati i vincitori dei premi Nobel di quest’anno. Di seguito tutto quello che c’è da sapere a riguardo.
Alfred Nobel, istituì il premio che porta il suo
Un elicottero marziano

Mars 2020 è la missione NASA che porterà un rover e nuova strumentazione scientifica sul Pianeta Rosso. Tra i vari dispositivi, un piccolo elicottero ha appena superato i test di volo.



Pesa
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
Nubi di metano su Titano


Durante il flyby del 7 maggio 2017, la sonda Cassini ha osservato queste chiare nubi di metano su Titano, luna di Saturno. Le macchie scure sono invece mari e laghi di idrocarburi presenti
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: