Ventuno anni e non sentirli: si apre la nuova stagione di Superquark

Da mercoledì 13 luglio 2016 alle ore 21.20 su Rai Uno torna Superquark, la migliore trasmissione di divulgazione scientifica della televisione italiana. 

1467635588362superquark_studio.jpg

Un po’ tutti gli italiani appassionati di scienza devono qualcosa della loro passione a Piero Angela ed al suo SuperQuark. Nonostante sia giunto alla sua ventunesima edizione e i canali della televisione siano aumentati a dismisura, SuperQuark resta senz’altro la trasmissione scientifica più amata dal pubblico italiano nonché la più curata dal punto di vista scientifico e dell’intrattenimento.

Quest’anno SuperQuark ci farà compagnia per 8 settimane, a partire da mercoledì 13 luglio e sarà trasmesso anche in HD.

Le otto puntate saranno aperte come sempre da un documentario naturalistico prodotto dalla BBC: “La Caccia” esplora il mondo della predazione, un atto che in natura è decisivo per la lotta tra la vita e la morte delle specie animali.

Come si legge sul sito della trasmisssione “questa serie osserva da vicino le sorprendenti tecniche dei predatori e delle prede, esaminando le sfide che gli animali devono affrontare e le tattiche da impiegare.   Le strategie di predatori e prede sono influenzate dal luogo in cui vivono, quindi ciascun episodio si concentra su un habitat specifico: savana, giungla o oceano. In modo audace e in stile cinematografico, questa serie segue alcuni dei più determinati, specializzati e scaltri predatori esistenti in natura, e le loro prede altrettanto astute e sfuggenti.

Nella prima puntata il demografo Antonio Golini ci spiegherà come la demografia possa prevedere i cambianti della società, e Gianluca Ferrari racconterà come l’Italia guidi una forza internazionale per proteggere il patrimonio artistico nelle zone a rischio.

Alberto Angela ci accompagnerà nella Basilica di San Clemente e di Castel Sant’Angelo, due grandi ricchezze del patrimonio storico ed artistico di Roma.

Materiali intelligenti come la spugna cuore, le ricerche sui nati digitali e tanto altro saranno presentate dagli inviati di SuperQuark negli Stati Uniti. Si parlerà di vaccini, di sistema linfatico del cervello, di energia solare, di sale, di nuove tecnologie per il learning machine e molto altro.

Non mancheranno anche le rubriche:

  • Sessualità con Emmanuele Jannini;
  • Tecnologia con Roberto Cingolani;
  • Scienza in cucina con Elisabetta Bernardi;
  • Dietro le quinte della storia con Alessandro Brabero;
  • Polvere di Stelle con Giovanni Bignami;
  • Esperimenti in studio con Paco Lanciano

Insomma, come sempre ci sarà moltissimo da imparare e nulla da potersi perdere: da mercoledì tutti incollati alla televisione!

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Hawaii: esploso il vulcano Kilauea
Le prime ore della mattina di oggi sono state piuttosto turbolente per i cittadini hawaiiani, che seppur evacuati per tempo, hanno visto esplodere il Kilauea, uno dei più noti vulcani
SpaceX: SES-10 Primo Lancio con un razzo riutilizzato

Stanotte, alle ore 00:27 italiane, il Falcon9 della SpaceX porterà in orbita il decimo satellite geostazionario per le telecomunicazione della costellazione SES.


Cos'ha
Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante
NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
Scoperta la sorgente della nova del 1437
Alcuni astronomi coreani annotarono la visione di una nova l'11 marzo del 1437. Uno studio pubblicato su Nature e condotto da un team newyorkese ne ha identificata l'origine.



Scorpii
Farout, il pianeta nano più lontano dal Sole (per ora)

Situato ad una distanza dal Sole circa 100 volte maggiore di quella della Terra, 2018 VG18 'Farout' è a tutti gli effetti l'oggetto più lontano ad oggi noto nel
L'astuto Hans - il cavallo che sapeva contare
C'è stato un tempo in cui abbiamo creduto che la comunicazione fra uomo e animale potesse avvenire veramente. Di che tempo stiamo parlando?
Nella Berlino del 1904 viveva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: