Arrivano i primi dati dalla sonda Juno

Sono finalmente arrivate e sono spettacolari: ecco le prime immagini e i primi dati dalla sonda della NASA Juno, da poco arrivata in orbita attorno a Giove.

pia21030_main_2_north_polar_full-disk_a
La prima foto della JunoCam eseguita durante il sorvolo della sonda Juno del 27 agosto 2016

Il 27 agosto Juno ha eseguito con successo il primo dei 36 sorvoli programmati per la sua missione ed è arrivata a soli 4200 km dalla superficie nuvolosa di Giove (livello in cui la pressione 1 bar). Il transito è durato 6 ore e la sonda ha potuto raccogliere 6 megabyte di dati; il download ha richiesto 1 giorno e mezzo (da rendere fiero chi ricorda le connessioni a 56kb).

Scott Bolton, astronomo del team di Juno al Southwest Research Institute di San Antonio, commenta così l’evento: “è il primo sguardo al polo Nord di Giove e già ci appare come qualcosa di completamente diverso da ciò che abbiamo visto o immaginato in precedenza: è più blu del resto del pianeta e ci sono tantissime tempeste; non c’è segno delle bande o delle zone che siamo soliti osservare su Giove. Vediamo segni di ombre delle nubi, e ciò indica che probabilmente queste nubi si trovano ad un’altitudine maggiore degli altri dettagli.”

Ma il risultato più emozionante è qualcosa che la JunoCam non ha potuto vedere: il Jovian Infrared Auroral Mapper (JIRAM), fornito tra l’altro dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) ha acquisito foto all’infrarosso dei poli di Giove. Si tratta delle prime foto all’infrarosso dei poli del pianeta, mai fotografati in precedenza a queste lunghezze d’onda.

pia21033_jiram_aurora_d
L’aurora al polo Sud di Giove, fotografata all’infrarosso dallo strumento JIRAM a bordo della sonda Juno

Queste foto ci hanno permesso infatti di osservare intensi fenomeni aurorali sul polo Sud del pianeta, e di osservarne la struttura in alta definizione.

Un altro strumento è il Radio/Plasma Wave Experiment (Waves) che ha registrato le emissioni radio provenienti dal pianeta, già note ma mai analizzate a distanza così ridotta.

Siamo solo all’inizio ma già questi primissimi dati sono molto confortanti rispetto al proseguimento della missione ed ai risultati a cui ci potrà portare.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La lotta tra l'uomo ed il bradipo, immortalata nelle impronte fossili
Tra i 10.000 ed i 15.000 anni fa, un bradipo terricolo gigante (un grosso animale ormai estinto) camminava tranquillo nel White Sands National Monument,
Riaccesi i propulsori della Voyager 1
Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli
Konstantin Ė. Tsiolkovsky: 161 anni dalla nascita
Oggi, il 17 Settembre 1857 nasceva Konstantin Ėduardovič Ciolkovskij (Tsiolkovsky nella translitterazione anglosassone), il padre teorico della cosmonautica!
A causa
Un guscio di plasma per i rientri atmosferici
Viaggiare nello spazio non è così semplice come si è portati a pensare. La fantascienza ci offre spesso degli scenari molto idilliaci, in cui viaggiare da un pianeta all'altro
Nat Geo Festival delle Scienze: il programma dell'evento a Roma
Al via il National Geographic Festival delle Scienze presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Da giovedì a domenica: 4 giorni intensi di conferenze,
Dagli USA un filtro inverso per particelle
In genere i filtri bloccano le particelle più grosse lasciando passare quelle più piccole. Un team di ricercatori della Pennsylvania State University ha sviluppato un materiale
Come funzionano i campi magnetici planetari

Sulla Terra permette lo sviluppo della vita, su Marte c'era ma oggi non c'è più. In che modo si possono formare i campi magnetici planetari?



Secondo i migliori modelli attualmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: