Scoperto il segreto del Blob Lyman-Alfa

Un team dell’ESO ha scoperto la vera natura dei Blob Lyman-Alfa grazie all’ausilio dei telescopi ALMA e VLT.

I blob Lyman-Alfa, per gli amici LAB, sono nubi di idrogeno di incredibili dimensioni rilevate a grandi distanze dalla Via Lattea. Di questi oggetti abbiamo sempre saputo molto poco, oltre al fatto che si tratti di alcuni degli oggetti individuali più estesi dell’universo e che emettono incredibilmente alla frequenza che viene chiamata, non a caso, Lyman-Alfa e che indica una precisa transizione elettronica degli atomi di Idrogeno.

SSA22-Lyman-alpha blob 1 è uno dei più grandi blob che conosciamo; scoperto nel 2000, si trova ad 11,5 miliardi di anni luce da noi. Molti dei migliori telescopi al mondo si sono mobilitati per mappare le sorgenti di questo LAB: VLT (Very Large Telescope), ALMA (Atacama Large Millimeter/Submillimeter Array), l’Osservatorio Keck delle Hawaii, il Telescopio Spaziale Hubble.

Ma cosa genera tutta questa radiazione allora? Due grandi galassie interessate da un intenso processo di formazione stellare, al centro di una nube di idrogeno, contornate da molte galassie più piccole. Queste galassie più piccole probabilmente forniscono a quelle più grandi il materiale per la continua formazione stellare, la quale porta radiazione ultravioletta in grado di produrre le linee Lyman-Alfa nell’Idrogeno circostante.

L’interesse per questi oggetti, oltre che nella loro rarità, sta nel fatto che si tratta probabilmente della fase embrionale delle galassie più grandi che possiamo osservare ed il loro studio ci permette di comprendere qualcosa in più sulla loro formazione.

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Eclissi di Luna gennaio 2019, gli scatti degli utenti

Quella che segue è una raccolta di tutti gli scatti dell'eclissi di Luna del 21 gennaio 2019 che sono stati inviati nella nostra Community su Facebook.



Cliccate
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni
Il complottismo deve essere tollerato?
È da tempo ormai che lo spirito di George Orwell imperversa fra la popolazione instillando dubbi e paranoie sulla popolazione. Stiamo vivendo in un'epoca dove la scienza ufficiale
In arrivo l'Asteroid Day 2017
Il 30 giugno prossimo si terrà la terza edizione dell’Asteroid Day, evento internazionale per gli appassionati di asteroidi e per coloro che li temono.



In occasione dell’evento tutte
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
Tutti i premi Nobel 2016
Dal 3 al 10 ottobre 2016 sono stati annunciati i vincitori dei premi Nobel di quest'anno. Di seguito tutto quello che c'è da sapere a riguardo.
Alfred Nobel (l'invetore della dinamite), istituì
Il piano della Space X per andare su Marte
Tra entusiasmo  e scetticismo, Elon Musk in una conferenza ha ribadito il suo progetto di colonizzare Marte nei prossimi anni. Questa volta sembra fare sul serio e presenta i

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: