La prima mappa del cielo di GAIA

Pubblicata una mappa completa della Via Lattea e del vicinato galattico basato sul primo anno di osservazione del satellite GAIA dell’Agenzia Spaziale Europea.

gaia_s_first_sky_map_node_full_image_2

Si tratta dei dati raccolti tra luglio 2014 a settembre 2015 dal satellite GAIA (che sta per Global Astrometric Interferometer for Astrophysics) , lanciato nel 2013 per la catalogazione di oltre un miliardo di stelle fino alla ventesima magnitudine. Il satellite si occupa di astrometria, ossia lo studio delle posizioni, delle distanze e del moto proprio delle stelle. GAIA è situato nel punto L2, uno dei punti in cui la forza di gravità della Terra e del Sole si annullano.

La mappa, qui scaricabile in HD, mostra la densità delle stelle osservata da Gaia in ogni porzione del cielo. Le regioni più concentrate risultano più bianche, mentre quelle più scure sono quelle meno dense.

La Via Lattea è una galassia a spirale, con la maggior parte delle stelle disposte su un disco di circa 100.000 anni luce di diametro e 1000 anni luce di spessore, il piano galattico. Questo disco è quella meraviglia che ogni notte possiamo (in parte) osservare sotto un cielo sufficientemente pulito.

Molti ammassi globulari e aperti sono osservabili nella mappa. I primi concentrati soprattutto nell’alone della Via Lattea, una struttura sferica di circa 100.000 anni luce nel quale risiede il disco galattico. I secondi, invece, si trovano più facilmente sul piano galattico e sono costituiti da stelle più giovani.

I due oggetti luminosi nella parte bassa della mappa sono la Grande e la Piccola Nube di Magellano, due galassie nane che orbitano attorno alla Via Lattea. Sono visibili anche altre galassie vicine: la galassia di Andromeda (M31) e la galassia Triangolo (M33), in basso a sinistra.

Nella mappa sono anche visibili artefatti: le strisce nere curve non sono oggetti astronomici, ma sono riflessi dovuti al meccanismo che Gaia utilizza per l’osservazione e la registrazione dei dati. Bisogna infatti considerare che questa mappa è basata solo sul primo anno di osservazioni e verrà migliorata mano mano che il satellite raccoglierà altri dati.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La fine di Kepler: qual è il lascito del cacciatore di esopianeti?
Dopo 9 anni a caccia di pianeti extrasolari, la missione Kepler è giunta definitivamente a compimento: finito il carburante, l'osservatorio, che già stava
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Onde Gravitazionali: la scoperta del secolo, dopo un secolo
Siamo nel 1916. Albert Einstein formula la sua teoria più rinomata: la Relatività Generale. Tra le altre cose, che hanno rivoluzionato la fisica e la nostra
I semi della Chang'e-4, facciamo chiarezza

Sono germogliati o no? Sono vivi o sono morti? Le foto erano dalla Luna o dalla Terra? Insieme alle piante c'erano bachi da seta o moscerini da frutta? Sono morti a causa di
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
Titano: due nuovi studi pubblicati grazie ai dati di Cassini
Un gruppo di ricercatori della Cornell University ha pubblicato due nuovi studi su Titano, la luna più grande di Saturno, condotti grazie ai risultati della
Manuale di Fisica e Buone Maniere: recensione del libro

“Manuale di fisica e buone maniere” il racconto di occasioni perdute. Ambientato principalmente a Londra, il romanzo descrive il complesso rapporto sentimentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: