Scoperta ASASSN-15lh, la supernova più luminosa di sempre

Un team internazionale di astrofisici ha scoperto la supernova più luminosa che sia mai stata osservata nella storia dell’umanità. Si chiama ASASSN-15lh ed è stata presentata in uno studio su Science.

La galassia ospite dell'esplosione: prima e dopo. Credits: The Dark Energy Survey, G. Masi and the ASAS-SN team
La galassia ospite dell’esplosione: prima e dopo. Credits: The Dark Energy Survey, G. Masi and the ASAS-SN team

Di supernovae ne abbiamo viste molte, ma mai così luminose: è sufficiente dare un’occhiata alla differenza di luminosità della galassia ospite prima e dopo l’esplosione (vedi foto) per capire quanto possa essere stato drammaticamente intenso questo fenomeno.

ASASSN-15lh, questo il nome della Supernova in questione, si trova a circa 3.8 miliardi di anni luce di distanza nella galassia dal nome poco amichevole di APMUKS(BJ) B215839.70-615403.9, situata nella costellazione australe dell’Indiano. Essa è stata scoperta il 14 giugno scorso dall’osservatorio cileno Cerro Tololo. Durante l’esplosione la supernova ha raggiunto le 570 miliardi di luminosità solari, un valore mai osservato per oggetti di questo tipo e che lascia intendere si tratti di un caso veramente estremo, probabilmente appartenente ad una nuova categoria di oggetti.

Nel team internazionale guidato da S. Dong dell’Università di Pechino, spicca anche il nome di Gianluca Masi, astronomo e divulgatore italiano leader del noto Virtual Telescope Project.

In che modo si può generare un’esplosione di tale entità? Non lo si sa ancora, ma di certo non tramite i meccanismi classici per l’esplosione di supernovae, poiché nessuno di essi è compatibile con i valori osservati. Si tratta probabilmente di una nuova classe di fenomeni, legati forse ai Nuclei Galattici Attivi (AGN).

Ulteriori informazioni potrebbero venire dal Telescopio Spaziale Hubble, dal quale il team di astronomi è riuscito ad ottenere la possibilità di puntare l’oggetto per studiarne il post-esplosione.

Approfondimenti:
Virtual Telescope Project, Scoperta ASASSN-15lh: la supernova più luminosa della storia dell’umanità

S. Dong et al., ASASSN-15lh a highly super-luminous supernova, Science

Consigli di lettura:

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Acqua liquida sotto la superficie di Marte

Lo strumento MARSIS a bordo della missione Mars Express dell'ESA ha rilevato la presenza di una riserva di acqua liquida al di sotto della regione polare sud di Marte. La scoperta
OSIRIS-REx e Bennu: siamo arrivati
A pochi giorni dall'arrivo di InSight su marte, un'altra missione planetaria giunge al suo obiettivo. Oggi, 3 dicembre 2018, infatti, la sonda OSIRIS-REx della NASA si inserirà in orbita
La fisica dell'E-ink, l'inchiostro degli ebook reader
L'idea è nata negli anni '70, ma il suo brevetto ed il suo utilizzo commerciale inizia nel 1996. L'inchiostro elettronico, o e-ink è attualmente il metodo più diffuso
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra
OSIRIS-REx e Bennu: si comincia



Il 17 agosto la sonda della NASA OSIRIS-REx ha ottenuto le sue primissime immagini dell'obiettivo della missione: l'asteroide Bennu. Da una distanza di 2.2 milioni di chilometri,
Come funziona un propellente per lanci spaziali?
Il lancio di un razzo o di un missile avviene sprigionando enormi quantità di gas, attraverso reazioni chimiche di combustione generate dai propellenti. Che tipo di sostanze
Perla di Giove immortalata durante il flyby

Questa foto è stata scattata dalla JunoCam l'11 dicembre 2016, alle 9:27 PST. In quel giorno la sonda della NASA Juno stava effettuando il suo terzo sorvolo (flyby) dell'atmosfera

2 pensieri riguardo “Scoperta ASASSN-15lh, la supernova più luminosa di sempre

  • Novembre 1, 2016 in 12:28 pm
    Permalink

    570 luminosità solari? Durante l’esplosione? Altro che 570..

    Risposta
    • Novembre 1, 2016 in 2:19 pm
      Permalink

      Grazie per l’appunto, per errore non avevo scritto il “miliardi”, era 570 miliardi di L solari 🙂

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: