Scoperta ASASSN-15lh, la supernova più luminosa di sempre

Un team internazionale di astrofisici ha scoperto la supernova più luminosa che sia mai stata osservata nella storia dell’umanità. Si chiama ASASSN-15lh ed è stata presentata in uno studio su Science.

La galassia ospite dell'esplosione: prima e dopo. Credits: The Dark Energy Survey, G. Masi and the ASAS-SN team
La galassia ospite dell’esplosione: prima e dopo. Credits: The Dark Energy Survey, G. Masi and the ASAS-SN team

Di supernovae ne abbiamo viste molte, ma mai così luminose: è sufficiente dare un’occhiata alla differenza di luminosità della galassia ospite prima e dopo l’esplosione (vedi foto) per capire quanto possa essere stato drammaticamente intenso questo fenomeno.

ASASSN-15lh, questo il nome della Supernova in questione, si trova a circa 3.8 miliardi di anni luce di distanza nella galassia dal nome poco amichevole di APMUKS(BJ) B215839.70-615403.9, situata nella costellazione australe dell’Indiano. Essa è stata scoperta il 14 giugno scorso dall’osservatorio cileno Cerro Tololo. Durante l’esplosione la supernova ha raggiunto le 570 miliardi di luminosità solari, un valore mai osservato per oggetti di questo tipo e che lascia intendere si tratti di un caso veramente estremo, probabilmente appartenente ad una nuova categoria di oggetti.

Nel team internazionale guidato da S. Dong dell’Università di Pechino, spicca anche il nome di Gianluca Masi, astronomo e divulgatore italiano leader del noto Virtual Telescope Project.

In che modo si può generare un’esplosione di tale entità? Non lo si sa ancora, ma di certo non tramite i meccanismi classici per l’esplosione di supernovae, poiché nessuno di essi è compatibile con i valori osservati. Si tratta probabilmente di una nuova classe di fenomeni, legati forse ai Nuclei Galattici Attivi (AGN).

Ulteriori informazioni potrebbero venire dal Telescopio Spaziale Hubble, dal quale il team di astronomi è riuscito ad ottenere la possibilità di puntare l’oggetto per studiarne il post-esplosione.

Approfondimenti:
Virtual Telescope Project, Scoperta ASASSN-15lh: la supernova più luminosa della storia dell’umanità

S. Dong et al., ASASSN-15lh a highly super-luminous supernova, Science

Consigli di lettura:

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Rømer e la scoperta della velocità della luce
Oggi diamo quasi per scontato che la velocità della luce sia finita, nonostante molto elevata (circa 300.000 km/s) ma in passato ci sono stati pareri discordanti, dovuti anche
Strumenti dal passato: la macchina di Anticitera
Vi siete mai chiesti quali strumenti venissero utilizzati nell'antichità per la misurazione delle fasi lunari o per il movimento dei pianeti? Se non avete mai letto niente
Materia Oscura: la velocità delle galassie può farne a meno
I ricercatori della Case Western Reserve University dell'Ohio hanno trovato una nuova relazione che spiega l'accelerazione delle stelle nelle galassie a spirale
Surge glaciali: le inondazioni dei giganti di ghiaccio
Migliaia di ghiacciai si trovano nei pressi di insediamenti umani, e negli ultimi decenni, dozzine di ondate (surge glaciali) hanno provocato morti e feriti. Una
1,2,3 stella: quando una supergigante scompare.
Avete capito bene, un stella scomparsa. No non è un thriller astronomico e neanche uno scherzo, si tratta di una vera e propria supergigante rossa grande 25 volte quanto
Alla ricerca di meteoriti – come trovarle e riconoscerle
Ospitiamo come ormai da consuetudine per l'Asteroid Day, un contributo di Nicola Mari, geologo planetario a Glasgow che si occupa anche di divulgazione scientifica.
162173 Ryugu: identikit dell'obiettivo di Hayabusa2
Abbiamo approfondito i dettagli della missione Hayabusa2 (qui), abbiamo visto la sonda avvicinarsi al suo obiettivo (qui), ma poco abbiamo detto nel dettaglio dell'asteroide

2 pensieri riguardo “Scoperta ASASSN-15lh, la supernova più luminosa di sempre

  • Nov 1, 2016 in 12:28 pm
    Permalink

    570 luminosità solari? Durante l’esplosione? Altro che 570..

    Risposta
    • Nov 1, 2016 in 2:19 pm
      Permalink

      Grazie per l’appunto, per errore non avevo scritto il “miliardi”, era 570 miliardi di L solari 🙂

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: