Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Copyright ESA and the SPIRE & PACS consortia, Ph. André (CEA Saclay) for the Gould’s Belt Survey Key Programme Consortium, and A. Abergel (IAS Orsay)

Polaris Flare non è veramente un “flare”, ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell’Orsa Minore, nella direzione della stella Polare. Polaris Flare è situata a circa 490 anni luce di distanza dalla Terra, ed è stata fotografata dall’osservatorio spaziale Herschel dell’ESA nel 2011 (tramite lo Spectral and Photometric Imaging Receiver nell’Infrarosso, tra 250, 350 e 500 micron) ed i fotogrammi sono stati qui ricomposti e colorati.

Decine di filamenti interestellari si intrecciano in questa nube ed ognuno di essi si può estendere anche per decine di anni luce nello spazio interstellare e  nelle parti più dense della regione si possano spesso trovare stelle neonate. All’interno della nube si possono trovare vari aggregati di materiale più denso, ma nessuno di essi sembra essere il seme di future stelle. Per come sono adesso, i filamenti semplicemente non sono abbastanza massivi da supportare la formazione stellare.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
L'esordio del Falcon Heavy! - la prima storica missione interplanetaria della SpaceX
Ieri, infine alle 21:45 dopo svariati rinvii a causa di forte vento in alta quota, il Falcon Heavy ha fatto il suo debutto dalla storica
Le 365 foto del Sole nel 2016

L'ESA ha pubblicato una foto del Sole per ogni giorno del 2016. Le fotografie sono state scattate dal satellite Proba-2. Lo strumento SWAP a bordo del satellite lavora nell'Ultravioletto
Il piano della Space X per andare su Marte
Tra entusiasmo  e scetticismo, Elon Musk in una conferenza ha ribadito il suo progetto di colonizzare Marte nei prossimi anni. Questa volta sembra fare sul serio e presenta i
2061: Il Ritorno della Cometa - Recensione del Libro
Un nonno racconta al nipotino una storia. È la sua storia e quella dell'Italia e del mondo, così come l'ha vissuta e come la ricorda. È il passaggio di testimone tra
A tutto plasma! - Parte II
In questa seconda parte tratteremo delle altre tipologie di propulsori al plasma, quelle più usate, più studiate e forse le più ambiziose.

Hall Effect Thrusters (HET)



Gli HET, o Propulsori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: