Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Copyright ESA and the SPIRE & PACS consortia, Ph. André (CEA Saclay) for the Gould’s Belt Survey Key Programme Consortium, and A. Abergel (IAS Orsay)

Polaris Flare non è veramente un “flare”, ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell’Orsa Minore, nella direzione della stella Polare. Polaris Flare è situata a circa 490 anni luce di distanza dalla Terra, ed è stata fotografata dall’osservatorio spaziale Herschel dell’ESA nel 2011 (tramite lo Spectral and Photometric Imaging Receiver nell’Infrarosso, tra 250, 350 e 500 micron) ed i fotogrammi sono stati qui ricomposti e colorati.

Decine di filamenti interestellari si intrecciano in questa nube ed ognuno di essi si può estendere anche per decine di anni luce nello spazio interstellare e  nelle parti più dense della regione si possano spesso trovare stelle neonate. All’interno della nube si possono trovare vari aggregati di materiale più denso, ma nessuno di essi sembra essere il seme di future stelle. Per come sono adesso, i filamenti semplicemente non sono abbastanza massivi da supportare la formazione stellare.

Rømer e la scoperta della velocità della luce
Oggi diamo quasi per scontato che la velocità della luce sia finita, nonostante molto elevata (circa 300.000 km/s) ma in passato ci sono stati pareri discordanti, dovuti anche
Esperimento SOX: quando la fantasia supera la realtà, e fa danni
In questi giorni il caos sta investendo i laboratori dell'INFN del Gran Sasso, in Abruzzo. A seguito del dilagare dell'allarmismo, sostenuto anche da un
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:
Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record
Il Wendelstein 7-X ha acquisito un nuovo record per gli Stellarator. Negli esperimenti scorsi il reattore ha raggiunto temperature e densità del plasma più elevate, impulsi più
Quando i Dinosauri facevano trekking in Abruzzo
Uno gruppo di ricercatori dell'Università di Roma La Sapienza e dell'INGV ha rinvenuto una serie di enormi impronte di dinosauro in Abruzzo, sul monte Cagno.

Appartenevano
Corona solare: il check-up completo degli ultimi 7 anni
Attraverso l'analisi di un'enorme quantità di dati ottenuti dall'SDO della NASA tra il 2010 ed il 2017, uno studio pubblicato su Science Magazine si pone l'obiettivo
Come studiare una superficie planetaria
"La superficie dell'asteroide è ricca di silicati", "sulla cometa sono presenti molecole organiche": quando si osserva la superficie di un oggetto del Sistema Solare, come possiamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: