2022: Red Nova visibile ad occhio nudo dalla Terra

KIC 9832227 è il simpatico nome di un sistema binario di stelle che si prospetta collideranno nel 2022. L’evento sarà luminosissimo, visibile anche ad occhio nudo dalla Terra. Lo studio  è stato presentato durante il 229° meeting dell’American Astronomical Society.

http://www.virtualtelescope.eu/wordpress/wp-content/uploads/2017/01/KIC9832227_10jan2016_pw17.jpg

L’evento in questione è denominato Red Nova e consiste nella collisione tra due stelle che si trovano a stretto contatto in un sistema binario, tanto che il loro guscio più esterno di gas arriva a toccarsi. L.A.Molnar et al hanno iniziato a studiare il sistema nel 2013, ma la variabilità di KIC 9832227 era nota già dal 2004: inizialmente si riteneva una RR Lyrae, ma le osservazioni hanno successivamente confermato che si trattava di un sistema binario a eclisse, ossia la luminosità sembra variare a seconda che si vedano contemporaneamente le due stelle o se una si trova nascosta dietro l’altra.

Le due stelle orbitano nella costellazione del Cigno con un periodo di sole 11 ore, e per metà di quel tempo una delle due si trova eclissata dall’altra, con una riduzione di luminosità di circa 0.15 magnitudini. Questo periodo si riduce esponenzialmente, ed avendo il “precedente” di V1309 Sco, una red nova osservata nel 2008 che si è a posteriori ricostruito fosse originata da un sistema binario di stelle con periodo che si riduceva esponenzialmente, si è quindi predetto che l’evento dovrebbe avvenire nel 2022 con un margine di errore di 7 mesi. Le due stelle sono di attualmente di magnitudine 12, e quindi inosservabili ad occhio nudo, ma l’evento dovrebbe aumentarne la luminosità di 10.000 volte, portandolo ad essere visibile anche nei cieli cittadini.

 

Sarà un evento a cui difficilmente si potrà assistere due volte nella vita, quindi vale la pena aspettare e non lasciarselo sfuggire.

Fonte: virtualtelescope.eu

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Guida ai più grandi satelliti di Saturno
Tra le più interessanti scoperte ottenute tramite la sonda Cassini, nei 20 anni che ci ha accompagnati, sicuramente molte hanno riguardato la possibilità di vedere da vicino le
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
2022: Red Nova visibile ad occhio nudo dalla Terra
KIC 9832227 è il simpatico nome di un sistema binario di stelle che si prospetta collideranno nel 2022. L'evento sarà luminosissimo, visibile anche ad occhio nudo dalla
Il volo del pipistrello, ovvero come funziona un sonar
L'ecolocalizzazione, o biosonar, è un metodo sviluppato da alcuni animali notturni, come pipistrelli e alcuni uccelli, per orientarsi nell'oscurità notturna. L'assenza
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
Kepler-1625b-I: la prima candidata Esoluna
La ricerca dei pianeti extrasolari è attualmente una delle maggiori sfide tecnologiche in campo astrofisico, in quanto richiedono enorme precisione della strumentazione e grande
Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: