Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Logo ufficiale della collaborazione EHT.

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante osservazione diretta del buco nero che giace al centro della nostra galassia, chiamato Sgr A*. Tuttavia, la regione da osservare è così minuscola (abbiamo parlato qui delle dimensioni di Sgr A*) e distante (quasi 28 mila anni luce!) che riuscire a “metterla a fuoco”  sembrerebbe impossibile, più o meno come cercare di fare una foto ad una arancia sulla Luna da Terra. EHT, invece, sarà in grado di osservare le immediate vicinanze di questo gigante grazie alla tecnica della VLBI (Very Large Baseline Interferometry). Essa consiste nel comporre immagini ottenute da più telescopi sparsi sull’intero globo terrestre, in questo caso nella regione millimetrica e sub-millimetrica dello spettro elettromagnetico, tramite l’ interferometria. In questo modo sarà come se il diametro del telescopio fosse grande come tutta la Terra! Il progetto, sicuramente molto ambizioso, ha importanti obbiettivi scientifici: si inizia con test diretti della Relatività Generale, passando per preziose informazioni sulla fisica dell’accrescimento e concludendo con lo studio della genesi dei potenti jets di plasma che osserviamo provenire dal centro di alcune galassie. Aspettiamo trepidanti gli sviluppi.

Fonte: www.eventhorizontelescope.org

Il volo del pipistrello, ovvero come funziona un sonar
L'ecolocalizzazione, o biosonar, è un metodo sviluppato da alcuni animali notturni, come pipistrelli e alcuni uccelli, per orientarsi nell'oscurità notturna. L'assenza
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni
Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare
Uno per 14 e 14 per uno: osservato il megamerging di 14 galassie
Usando il Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), un gruppo internazionale di astronomi è riuscito ad osservare l'incipit di un enorme scontro
Accordo Milne-ESO: il VLT cercherà pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri
La Breakthrough Initiatives del magnate russo Yuri Milne finanzierà un aggiornamento del Very Large Telescope volto alla ricerca di pianeti
3 tipi di frane sul pianeta nano Cerere
Tramite i dati della sonda Dawn della NASA è stato possibile osservare numerose frane sul pianeta nano Cerere, causate probabilmente da una significativa quantità di ghiaccio d'acqua
La sonda Cassini termina la sua storica esplorazione di Saturno - Comunicato della NASA
La sonda Cassini è stata lanciata nel 1997 da Cape Canaveral ed è arrivata su Saturno nel 2004. La NASA ha esteso la sua missione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: