Studiare i dintorni di un buco nero con Event Horizon Telescope

Logo ufficiale della collaborazione EHT.

Cosa succede vicino a un buco nero? Event Horizon Telescope (EHT) è una collaborazione internazionale che si sta occupando di risolvere questo enigma mediante osservazione diretta del buco nero che giace al centro della nostra galassia, chiamato Sgr A*. Tuttavia, la regione da osservare è così minuscola (abbiamo parlato qui delle dimensioni di Sgr A*) e distante (quasi 28 mila anni luce!) che riuscire a “metterla a fuoco”  sembrerebbe impossibile, più o meno come cercare di fare una foto ad una arancia sulla Luna da Terra. EHT, invece, sarà in grado di osservare le immediate vicinanze di questo gigante grazie alla tecnica della VLBI (Very Large Baseline Interferometry). Essa consiste nel comporre immagini ottenute da più telescopi sparsi sull’intero globo terrestre, in questo caso nella regione millimetrica e sub-millimetrica dello spettro elettromagnetico, tramite l’ interferometria. In questo modo sarà come se il diametro del telescopio fosse grande come tutta la Terra! Il progetto, sicuramente molto ambizioso, ha importanti obbiettivi scientifici: si inizia con test diretti della Relatività Generale, passando per preziose informazioni sulla fisica dell’accrescimento e concludendo con lo studio della genesi dei potenti jets di plasma che osserviamo provenire dal centro di alcune galassie. Aspettiamo trepidanti gli sviluppi.

Fonte: www.eventhorizontelescope.org

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Tutti i premi Nobel 2018
Dal 1 all'8 ottobre 2018 sono stati annunciati i vincitori dei premi Nobel di quest’anno. Di seguito tutto quello che c’è da sapere a riguardo.
Alfred Nobel, istituì il premio che porta il suo
Ultima Thule: i primissimi risultati di New Horizons

New Horizons ha eseguito per la prima volta un flyby su un corpo della fascia di Kuiper, e dai dati ottenuti durante questa operazione possiamo e potremmo ottenere
9 giorni di silenzio da Marte
Dal 22 luglio al 1 agosto le comunicazioni con le sonde ed i rover con i quali studiamo il Pianeta Rosso saranno disattivate. Il 27 luglio Marte e Sole sono infatti in congiuzione, che vuol
Quando lo Spazio Esterno si avvicina
La linea di Kármán, la demarcazione tra l'atmosfera terrestre e lo spazio esterno, potrebbe essere più vicina di quanto finora ipotizzato. Un nuovo studio la pone infatti a 20 km in
ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
Manuale di Fisica e Buone Maniere: recensione del libro

“Manuale di fisica e buone maniere” il racconto di occasioni perdute. Ambientato principalmente a Londra, il romanzo descrive il complesso rapporto sentimentale
Guida ai più grandi satelliti di Saturno
Tra le più interessanti scoperte ottenute tramite la sonda Cassini, nei 20 anni che ci ha accompagnati, sicuramente molte hanno riguardato la possibilità di vedere da vicino le

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: