Quando i Dinosauri facevano trekking in Abruzzo

Uno gruppo di ricercatori dell’Università di Roma La Sapienza e dell’INGV ha rinvenuto una serie di enormi impronte di dinosauro in Abruzzo, sul monte Cagno.

cs impronte dinosauro 1

Appartenevano ad esemplari del gruppo dei teropodi vissuti tra 125 e 113 milioni di anni fa e una di esse, misurando circa 135 cm, testimonia la presenza del più grande esemplare di teropode di cui ad oggi abbiamo traccia in Italia. Le impronte sono osservabili su una parete calcarea quasi verticale, situata a circa 1900 m di altitudine sul Monte Cagno.

Le impronte erano già note dal 2006, ma solo oggi è stato possibile analizzarle con cura grazie ad innovative tecnologie che hanno previsto l’utilizzo di droni per ricostruire digitalmente le impronte a partire dalle tracce fotografate sulla parete.

Questo tipo di impronte costituisce un elemento fondamentale per ricostruire la storia geologica della regione. Ad esempio la presenza di queste impronte in Italia suggerisce l’esistenza di passati fenomeni migratori dalla Gondwana (un continente che riuniva India, Africa, Sud America, Antartide e Australia) all’area mediterranea, possibili grazie a variazioni del livello marino.

Fonte: http://comunicazione.ingv.it/

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Scoperta la sorgente della nova del 1437
Alcuni astronomi coreani annotarono la visione di una nova l'11 marzo del 1437. Uno studio pubblicato su Nature e condotto da un team newyorkese ne ha identificata l'origine.



Scorpii
KELT-9b: il pianeta più caldo mai osservato
KELT-9b è il nome di un pianeta hot jupiter scoperto da poco nel sistema di KELT-9 che sfida qualunque pianeta finora osservato, avendo una temperatura di oltre 4600 K, maggiore
Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette
Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori.
Uno per 14 e 14 per uno: osservato il megamerging di 14 galassie
Usando il Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), un gruppo internazionale di astronomi è riuscito ad osservare l'incipit di un enorme scontro
A tutto plasma! - Parte I
Una delle ricerche più promettenti per lo sviluppo di nuovi sistemi di propulsione spaziale è quella riguardo i propulsori al plasma.
L'obiettivo dei propulsori al plasma è lo stesso dei propulsori
2017 BQ6, tutti i primi scatti dell'asteroide
Il 7 febbraio scorso l'asteroide 2017 BQ6 è passato ad appena 6,6 volte la distanza Terra-Luna dalla Terra. Ecco tutte le immagini ottenute tramite l'antenna radio della NASA
SpaceUp: la Non-Conferenza sbarca a Pisa il 5 e 6 Maggio
La prima SpaceUp ha avuto luogo a San Diego nel 2010, in italia c'è stata un'edizione a Roma nel 2015 ed una a Milano nel 2016. Ma che cos'è SpaceUp, e che cos'è

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: