Quando i Dinosauri facevano trekking in Abruzzo

Uno gruppo di ricercatori dell’Università di Roma La Sapienza e dell’INGV ha rinvenuto una serie di enormi impronte di dinosauro in Abruzzo, sul monte Cagno.

cs impronte dinosauro 1

Appartenevano ad esemplari del gruppo dei teropodi vissuti tra 125 e 113 milioni di anni fa e una di esse, misurando circa 135 cm, testimonia la presenza del più grande esemplare di teropode di cui ad oggi abbiamo traccia in Italia. Le impronte sono osservabili su una parete calcarea quasi verticale, situata a circa 1900 m di altitudine sul Monte Cagno.

Le impronte erano già note dal 2006, ma solo oggi è stato possibile analizzarle con cura grazie ad innovative tecnologie che hanno previsto l’utilizzo di droni per ricostruire digitalmente le impronte a partire dalle tracce fotografate sulla parete.

Questo tipo di impronte costituisce un elemento fondamentale per ricostruire la storia geologica della regione. Ad esempio la presenza di queste impronte in Italia suggerisce l’esistenza di passati fenomeni migratori dalla Gondwana (un continente che riuniva India, Africa, Sud America, Antartide e Australia) all’area mediterranea, possibili grazie a variazioni del livello marino.

Fonte: http://comunicazione.ingv.it/

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Come nascono e si sviluppano i lampi gamma
In uno studio pubblicato su Nature per la prima volta una dettagliata descrizione dell'origine di questo fenomeno cosmico, affascinante quanto complesso.

I raggi gamma sono
A tutto plasma! - Parte I
Una delle ricerche più promettenti per lo sviluppo di nuovi sistemi di propulsione spaziale è quella riguardo i propulsori al plasma.
L'obiettivo dei propulsori al plasma è lo stesso dei propulsori
La fine di Kepler: qual è il lascito del cacciatore di esopianeti?
Dopo 9 anni a caccia di pianeti extrasolari, la missione Kepler è giunta definitivamente a compimento: finito il carburante, l'osservatorio, che già stava
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Un guscio di plasma per i rientri atmosferici
Viaggiare nello spazio non è così semplice come si è portati a pensare. La fantascienza ci offre spesso degli scenari molto idilliaci, in cui viaggiare da un pianeta all'altro
Il quinto stato della materia
Questo grafico rappresenta la variazione di densità di una nuvola di atomi che viene raffreddata (andando da sinistra verso destra) fino a temperature prossime allo zero assoluto. Possiamo
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: