Il premio nobel per la Fisica 2017

Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio essere assegnato, in quanto l’annuncio della scoperta è avvenuto l’11 febbraio, dopo la fine del periodo per essere proposti per il Nobel, che scadeva il 31 gennaio. Nel 2017 però, non poteva essere altrimenti, ed ecco quindi i vincitori del premio Nobel per la Fisica 2017.

I vincitori sono Rainer Weiss, Barry C. Barish e Kip S. Thorne, e le ragioni apportate dalla Fondazione Nobel per la vincita sono:

Per aver apportato un contributo decisivo alla costruzione dei rivelatori LIGO e all’osservazione delle onde gravitazionali.

I tre sono attualmente membri della collaborazione LIGO/Virgo. Thorne e Weiss sono stati tra i pionieri fondatori del progetto, mentre Barish ha guidato il compimento dell’opera.

Alfred Nobel (l’invetore della dinamite), istituì il premio che porta il suo nome nel 1901: chimica, fisica, medicina, letteratura, pace e dal 1969 anche economia, sono i campi che vengono premiati dall’organizzazione svedese.

Qui un interessante libro per approfondire la storia dei premi Nobel.

I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che
Il Modello Standard delle Particelle Elementari
Tutti coloro che sono appassionati di Fisica prima o poi si imbattono in concetti come Particelle Elementari, Bosone di Higgs o Modello Standard. Ma cosa significano questi
Il Primo Uomo: il film che racconta l'allunaggio
Dopo il successo di La La Land, vincitore di sei premi Oscar, il regista Damien Chazelle e il protagonista Ryan Gosling tornano a lavorare insieme nel film Il Primo Uomo
Rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico
Per la prima volta è stata rintracciata la sorgente di un neutrino cosmico ad alte energie utilizzando l'esperimento IceCube in Antartide. Lo studio su Science.

I neutrini
Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette
Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori.
Nakhliti e vulcani marziani: nuovi importanti indizi sulla loro storia
Un nuovo studio pubblicato su Nature a prima firma B.E. Cohen fornisce importanti ed innovativi indizi sull'evoluzione dei vulcani marziani e sull'origine
Muore Alan Bean, il 4° uomo sulla Luna
26 maggio 2018,  Houston: all'età di 86 anni muore Alan Bean, il quarto astronauta ad aver camminato sulla Luna.
Bean ha viaggiato due volte nello spazio per un totale di 69 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: