Nakhliti e vulcani marziani: nuovi importanti indizi sulla loro storia

Un nuovo studio pubblicato su Nature a prima firma B.E. Cohen fornisce importanti ed innovativi indizi sull’evoluzione dei vulcani marziani e sull’origine delle meteoriti nakhliti, provenienti dal Pianeta Rosso.

Su Marte si trovano alcuni dei vulcani più grandi del Sistema Solare. Nonostante le loro dimensioni e la densità di crateri sulla superficie marziana indichino che la loro attività abbia proseguito per miliardi di anni, i dettagli sulla loro formazione non sono ancora del tutto chiari. Nel loro studio, Cohen et al. hanno quantificato il tasso di crescita di un vulcano marziano usando tecniche di datazione isotopica su 6 nakhliti, meteoriti che sono state espluse da Marte circa 11 milioni di anni fa. Il team ha scoperto che le nakhliti sono state prodotte durante almeno 4 eventi di eruzioni vulcaniche avvenuti  tra 93 e 1322 milioni di anni fa.

Da questi dati, Cohen et al. hanno scoperto che la sorgente di tali nakhliti è un vulcano cresciuto di circa 0.4-0.7 metri per milione di anni. Nonostante questo tasso di crescita sia circa 1000 volte di meno dei vulcani sulla Terra, per ottenerlo è necessario che Marte in passato fosse molto più attivo dal punto di vista vulcanico di quanto finora ritenuto.

Figure 7
Una potenziale sorgente di nakhliti situata nelle pianure di lava della regione Elysium.

Clicca qui per leggere l’articolo.

Come funziona l'Atmosfera terrestre? - Parte II
Questo è il secondo di una serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre: dalla composizione dell’aria che respiriamo
Perché Facebook ha bloccato l'esperimento sull'IA
Se al supermercato vi accorgeste che la bilancia con cui il salumiere vi sta pesando qualcosa fosse tarata male, che fareste? Lo fermereste e gli chiedereste di ripetere
Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
SpaceX: Il Falcon Heavy
Nel precedente articolo abbiamo parlato del primo lancio del Falcon9 dal Launch Complex 39A del Kennedy Space Center, da cui hanno avuto inizio le epiche missioni del programma Apollo e dello Space
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni
3 tipi di frane sul pianeta nano Cerere
Tramite i dati della sonda Dawn della NASA è stato possibile osservare numerose frane sul pianeta nano Cerere, causate probabilmente da una significativa quantità di ghiaccio d'acqua
Cassini invia nuove incredibili foto degli anelli di Saturno
Le ultimissime fotografie pubblicate dal team della missione Cassini della NASA mostrano gli anelli di Saturno ad un livello di dettaglio mai visto prima.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: