Nel Cuore della Tarantola

Nel cuore della Nebulosa Tarantola si trovano gigantesche bolle di gas energetico, filamenti di nubi oscure e stelle particolarmente massive. In particolare, al centro di questo cuore, si trova un ammasso stellare così denso che fino a poco tempo fa si riteneva essere una singola stella. R136 (NGC 2070) è il nome di questo ammasso stellare, visibile al centro dell’immagine, che ospita un grande numero di stelle giovani e calde. La luce proveniente da queste stelle ionizza continuamente la nebulosa, mentre i venti stellari strutturano bolle e filamenti al suo interno. L’immagine sfrutta i dati dell’Hubble Space Telescope ed il New Technology Telescope dell’European Southern Observatory.

Fonte: NASA APOD (immagine intera)

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Le sosia di Eta Carinae
Eta Carinae è la stella più luminosa e massiccia tra quelle site a meno di 10 000 anni luce dalla Terra ed è particolarmente rinomata per la sua grande eruzione che negli anni 40 dell'800 la ha
Acqua nel mantello terrestre: dai diamanti le prime prove dirette
Piccole tasche di acqua al di sotto della superficie terrestre: questa la scoperta pubblicata su Science Magazine da un team internazionale di ricercatori.
Un nuovo TNO ci dà nuovi indizi su Planet 9
Un team internazionale di astronomi ha rivelato la presenza di un nuovo oggetto trans-nettuniano la cui strana orbita potrebbe essere un'ulteriore evidenza della presenza di
Tesla ed i numeri 3,6,9 - La chiave dell'energia libera?
Prima di cominciare è d'obbligo una breve introduzione, anche per inquadrare un po' Tesla e la situazione dell'epoca.
Nikola Tesla viene ricordato come lo scienziato
Clinton vs Trump: i programmi spaziali
L'elezione del nuovo presidente statunitense è ormai estremamente vicina. Quali potrebbero essere le conseguenze di queste elezioni sui programmi spaziali della NASA e delle agenzie
Curiosity ha campionato una duna lineare marziana
Tra febbraio ed aprile, il rover della NASA Curiosity è stato impegnato nell'esaminare quattro siti nei pressi di una duna lineare nella regione di Bagnold Dunes da confrontare
Pan, il disco volante satellite di Saturno
Per la prima volta la sonda Cassini si è avvicinata abbastanza al piccolo satellite di Saturno Pan da permettere di osservarne dettagliatamente la superficie.

Che Pan avesse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: