Dagli USA un filtro inverso per particelle

In genere i filtri bloccano le particelle più grosse lasciando passare quelle più piccole. Un team di ricercatori della Pennsylvania State University ha sviluppato un materiale che è in grado di fare esattamente il contrario e che potrebbe avere importanti ripercussioni in molti campi della vita quotidiana, compreso quello chirurgico. Lo studio su Science Advances.

Il filtro più semplice che possiamo immaginare è una rete: le particelle che hanno dimensione inferiore a quella delle maglie della rete possono passare, le altre invece restano fuori. Un filtro inverso fa esattamente il lavoro contrario, facendo passare quelle più grandi e non quelle più piccole. Per una rete questo sarebbe assurdo, ma nel caso del filtro sviluppato da un team di ricercatori della Pennsylvania State University, l’obiettivo è raggiunto cambiando il principio alla base della selezione.

Questi ricercatori hanno infatti sviluppato una membrana liquida trasparente fatta di sodio dodecilsolfato ed acqua seleziona le particelle in base alla loro energia cinetica invece che in base alla loro dimensione. Siccome particelle più grandi accumulano un’energia cinetica maggiore di quelle più piccole (a parità di forza esercitata e di densità), quelle grandi possono bucare la membrana più facilmente di quelle più piccole. La membrana è poi in grado di rigenerarsi istantaneamente grazie alla tensione superficiale, il meccanismo che fa sì che le gocce d’acqua restino con la loro forma invece che stendersi sul piano.

Credits: Science

I ricercatori sono stati in grado di sviluppare la matematica alle spalle di questa invenzione dopo un lungo lavoro sperimentale di tentativi attraverso diversi materiali per la membrana e per gli oggetti da filtrare. L’ispirazione però viene dal mondo della biologia: la fagocitosi cellulare, il processo attraverso il quale le cellule sono in grado di fagocitare corpi dal mondo esterno, facendoli passare attraverso le loro membrane che tuttavia vengono immediatamente rigenerate. Questo processo avviene proprio come un filtro inverso, in quanto le cellule lasciano passare solo alcuni oggetti senza lasciar passare le piccole particelle estranee disperse nell’ambiente attorno ad esse.

Un filtro come questo può avere grande interesse applicativo: potrebbe ad esempio essere utile in ambito chirurgico, dove potrebbe impedire a polvere e germi di entrare nel luogo dell’operazione, o ad esempio potrebbe intrappolare gli odori in bagno senza acqua, o potrebbe essere utile per creare una barriera contro gli insetti vettori di infezioni.

In questo video potete vedere la membrana in azione:

Fonte: Science

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Il piano della Space X per andare su Marte
Tra entusiasmo  e scetticismo, Elon Musk in una conferenza ha ribadito il suo progetto di colonizzare Marte nei prossimi anni. Questa volta sembra fare sul serio e presenta i
L'Angolo dei Paradossi: il paradosso di Anfibio
Cari utenti,
da oggi vorremmo presentarvi una nuova curiosa rubrica. Questa volta non parleremo di buchi nere, stelle di neutroni o asteroidi ma bensì dei paradossi.
Ma
Lucy e Psyche: 2 nuove missioni NASA per lo studio degli asteroidi
Lucy e Psyche, questi i due nomi delle missioni che la NASA lancerà nel 2021 e nel 2023 per il programma Discovery. Gli obiettivi sono alcuni asteroidi
Quelle molecole organiche su Cerere
Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di
C'è Spazio Per Tutti, Rat-Man arriva sull'ISS - Recensione del fumetto
Paolo Nespoli è un grande astronauta italiano, attualmente per la terza volta a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Rat-Man è il simpaticissimo
BOINC, il proprio pc al servizio della ricerca
Il Berkeley Open Infrastructure for Network Computing, per gli amici BOINC, è un software che permette di utilizzare le risorse non utilizzate del proprio computer per aiutare
SABRE Engine: dal Silbervogel allo Skylon, la ricerca per i velivoli SSTO
In precedenza abbiamo osservato come la SpaceX, spinta dall'obiettivo di colonizzare Marte, stia riuscendo a conseguire lanci con razzi riutilizzabili,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: