Il primo Nobel per la Fisica

Si è conclusa da pochi giorni la “settimana dei Nobel” e alcuni scienziati sono stati premiati per i loro fondamentali contributi. In particolare, per la Fisica, il premio è stato assegnato a: Gérard Mourou, Arthur Ashkin, Donna Theo Strickland.
Ma chi è stato insignito per primo, nella storia della Fisica, di questo prestigioso premio? E perché?

Il fisico tedesco Wilhelm Conrad Röntgen (1845 – 1923) fu insignito del primo premio Nobel:

“In riconoscimento dello straordinario servizio reso per la scoperta delle importanti radiazioni che in seguito presero il suo nome” 

Tali radiazioni sono i Raggi X, radiazione elettromagnetica con una lunghezza d’onda compresa tra 10 nanometri e un millesimo di nanometro, quindi molto energetiche.

Ad oggi i raggi X vengono usati per le radiografie in ambito medico (le lastre), in alcune tecniche spettrofotometriche per l’analisi chimica e nell’analisi della struttura atomica dei materiali grazie a tecniche di cristallografia.

Tale immagine è una delle prime lastre della storia ed è molto famosa: è la lastra della mano della moglie di Albert von Kölliker, eseguita da Röntgen stesso.

Anche pensando alle sole radiografie, noi tutti dobbiamo essere molto riconoscenti a Röntgen per tale scoperta. Non va mai dimenticato che la ricerca può produrre risultati inaspettati che poi possono rivelarsi immensamente utili per l’umanità intera e questo ne è un esempio palese.

 

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Yusaki Maezawa, il progetto #dearMoon ed il BFR
Lunedì 17 Settembre 2018 alle 6.00 pm EST (3.00 am del 18 Settembre 2018 CET) c'è stata la conferenza stampa presso il quartier generale della SpaceX in California ed è
2017 BQ6, tutti i primi scatti dell'asteroide
Il 7 febbraio scorso l'asteroide 2017 BQ6 è passato ad appena 6,6 volte la distanza Terra-Luna dalla Terra. Ecco tutte le immagini ottenute tramite l'antenna radio della NASA
Polaris Flare: un grattacapo cosmico fotografato da Herschel

Polaris Flare non è veramente un "flare", ma è il nome di una misteriosa regione di polveri e gas osservabile nella costellazione dell'Orsa Minore, nella
Dawn trova ghiaccio su Cerere


Usando i dati della missione Dawn, un team di ricercatori dell'INAF ha individuato una forte presenza di ghiaccio nel cratere Oxo, su Cerere. 
I ricercatori dell'INAF di Roma hanno
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
L'atterraggio del primo stadio del Falcon9 - Rivoluzione nel modo di concepire le missioni spaziali.
Ripresa dal drone dell'atterraggio del primo stadio del Falcon9, sul nuovo "Landing Zone 1" a Cape Canaveral.
La SpaceX
Buchi Neri: le basi per capire questi straordinari mostri cosmici.
Tutti abbiamo sentito parlare più o meno approfonditamente di Buchi Neri, ma cosa sono realmente? Perché sono così interessanti e spaventosi allo stesso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: