Orione in Rosso e Blu

Questa colorata rappresentazione di una parte della costellazione di Orione proviene dalla luce rossa emessa dall’idrogeno e dallo zolfo e da quella blu-verde emessa dall’ossigeno. Le sfumature dell’immagine in primo piano sono state poi rielaborate digitalmente in modo da rappresentare gli elementi originali con un sorprendente effetto per l’occhio umano. l’immagine mozzafiato è stata accuratamente composta da centinaia di scatti che hanno richiesto circa 200 ore per essere raccolte. Nella foto l’anello di Barnard, sul fondo dell’immagine, sembra cullare intricate trame interstellari tra cui, al centro, la Nebulosa di Orione. La nebulosa Fiamma può anche essere localizzata rapidamente, ma richiede un occhio attento per identificare la leggera rientranza della Nebulosa Testa di Cavallo. Una spiegazione accreditata dell’origine dell’anello di Barnard è l’esplosione di una supernova avvenuta circa due milioni di anni fa.

APOD: Orion in Red and Blue (2018 Oct 14)
Image Credit & Copyright: David Lindemann

https://apod.nasa.gov/apod/ap181014.html

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Dodekatheon: ecco la copertina in esclusiva del 4° capitolo dell'Onniologo
Come annunciato da qualche settimana sulla nostra pagina Facebook, Cronache dal Silenzio è stato scelto per ospitare il Cover Reveal del quarto
Strumenti dal passato: la macchina di Anticitera
Vi siete mai chiesti quali strumenti venissero utilizzati nell'antichità per la misurazione delle fasi lunari o per il movimento dei pianeti? Se non avete mai letto niente
Il Nucleo Galattico Attivo di NGC 1448

NGC 1448 è una galassia dotata di un nucleo galattico attivo, ossia in cui il nucleo è la principale fonte di energia delle emissioni galattiche.
La galassia contiene un esempio
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
Accordo Milne-ESO: il VLT cercherà pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri
La Breakthrough Initiatives del magnate russo Yuri Milne finanzierà un aggiornamento del Very Large Telescope volto alla ricerca di pianeti
SpaceUp: la Non-Conferenza sbarca a Pisa il 5 e 6 Maggio
La prima SpaceUp ha avuto luogo a San Diego nel 2010, in italia c'è stata un'edizione a Roma nel 2015 ed una a Milano nel 2016. Ma che cos'è SpaceUp, e che cos'è
Vita su Marte? No, non lo sappiamo ancora
Su Marte, la vita, c'è o c'è stata in passato? La verità è che nonostante tutto, continuiamo a non saperlo. La NASA ieri ha annunciato la scoperta di antichi depositi organici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: