Falcon 9 ammarato

In quest’immagine possiamo vedere il primo stadio del Falcon9 usato nella missione di rifornimento CRS 16 trainato da una nave dopo essere ammarato nelle acque appena vicine la zona d’atterraggio su cui era designato atterrasse a Cape Canaveral.
Il motivo del mancato obiettivo è stato uno stallo alla pompa idraulica destinata a mantenere la pressione nel sistema idraulico delle grid fins (alette a griglia) che stabilizzano il razzo mantenendone la traiettoria durante il rientro con l’atmosfera. Con le alette bloccate il razzo ha cominciato a ruotare sul proprio asse perdendo la traiettoria.

Ciò non ha impedito comunque al sistema di atterraggio di attivarsi. Fortunatamente i motori, che hanno una spinta direzionabile, sono riusciti durante l’ultima accensione a fermare la rotazione, permettendo al razzo di ammarare. Subito in mare non è riuscito a rimanere “in piedi” cadendo su un fianco.
Incredibilmente sembrerebbe non ci siano state rotture allo scafo ed ha continuato a galleggiare finché non è stato recuperato.

A seguito dell’incidente Musk ha dichiarato che installeranno dei sistemi ridondanti anche per quanto riguarda il sistema idraulico di controllo delle alette, ma anche altri sistemi di atterraggio in cui non sono presenti ridondanze. Potrebbero essere un’altra pompa, che si attiverebbe solo in caso di emergenza ed altre linee di trasmissione idrauliche.

Questi non erano presenti già sia per una questione di peso: Aumentare la massa a vuoto del razzo significa diminuire non solo la spinta ma anche il ΔV in grado di fornire al carico, cioè quella variazione di velocità che stabilisce l’orbita a cui può essere portato il carico; ma anche perché l’atterraggio ed il recupero del primo stadio è secondario ai fini della missione: porre il carico in sicurezza con una variazione marginale dell’orbita prestabilita.
Sicuramente non parleremo di tonnellate aggiuntive ma al massimo di qualche centinaio di chili, quindi non si dovrebbe trattare di grosse variazioni rispetto alle prestazioni odierne.

A seguito il link di un video che unisce sia le riprese a bordo del primo stadio che dalla costa.

Credits Immagine in Copertina: Twitter/Restrantek

Storia dell'Esplorazione di Marte
Marte, il Pianeta Rosso, da sempre ha affascinato gli uomini, che con il tempo hanno imparato ad amarlo e conoscerlo sempre più a fondo. Sebbene molte osservazioni del pianeta furono
Tesla ed i numeri 3,6,9 - La chiave dell'energia libera?
Prima di cominciare è d'obbligo una breve introduzione, anche per inquadrare un po' Tesla e la situazione dell'epoca.
Nikola Tesla viene ricordato come lo scienziato
La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,
Guida ai più grandi satelliti di Saturno
Tra le più interessanti scoperte ottenute tramite la sonda Cassini, nei 20 anni che ci ha accompagnati, sicuramente molte hanno riguardato la possibilità di vedere da vicino le
L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
Materia Oscura: la velocità delle galassie può farne a meno
I ricercatori della Case Western Reserve University dell'Ohio hanno trovato una nuova relazione che spiega l'accelerazione delle stelle nelle galassie a spirale
Sentinel-5P ed i nuovi dati sull'inquinamento atmosferico
Il satellite dell'ESA Sentinel-5P, lanciato il 13 ottobre scorso, ha fornito le prime mappature dell'inquinamento atmosferico. Il satellite è in realtà ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: