Il CNT: Columbia Non-neutral Torus

L’Esperimento

Il Columbia Non neutral Torus è uno Stellarator realizzato per studiare plasma non neutri confinati magneticamente, ed è situato nel laboratorio di fisica del plasma della Columbia University, situato a New York. Questa sperimentazione nasce dal fatto che un plasma non neutro posto in camere con confinamento magnetico (configurazioni tokamak o stellarator) ,generalmente utilizzate per la fusione nucleare, non sono stati sperimentati prima, e dal fatto che sia possibile creare un plasma di elettroni e positroni altrimenti impossibile nelle Trappole di Penning, strumenti in genere utilizzati per contenere un plasma non neutro, dato che possono ospitare solo un plasma di una sola polarità per volta.
Sarebbe così possibile osservare e studiare per la prima volta un plasma di elettroni e positroni.E’ interessante poiché è stato predetto che al suo interno non dovrebbe esserci onde d’induzione elettrostatica (electrostatic drift) ed onde acustiche.

Plasma Non Neutro

Un plasma neutro, o quasi neutro, è un plasma dove il numero di elettroni è uguale, o quasi uguale, al numero di ioni presente, comportando un campo elettrico risultante esterno pari, o quasi pari, a zero.
Invece un plasma non neutro è un plasma costituito quasi interamente da ioni o da elettroni o positroni, e quindi si tratta di una massa di gas elettricamente carico.
In questa foto possiamo osservare l’anello di plasma che identifica una superficie magnetica.

plasma usato per fisualizzare l’asse del campo magnetico risultante dalle bobine.
Esperimenti di realizzati fra Gennaio – Febbraio 2005. Fonte.

L’Apparato Sperimentale

L’apparato. Fonte

Questo Stellarator è particolare. Infatti a differenza di altri approcci, la camera a vuoto è di forma cilindrica ed il campo magnetico elicoidale è generato da 4 bobine ad anello: Due interconnesse come se fossero due anelli di una catena, e sono poste all’interno della camera a vuoto. Esternamente alla camera ci sono le restanti due bobine, disposte in una configurazione che ricorda le bobine di Helmholtz, che producono fra di loro un campo d’induzione magnetica (B) di intensità costante. Le bobine interconnesse possono essere orientate in modo da essere inclinate fra loro formando un angolo compreso fra 64° e 88° per esplorare varie forme del campo e verrebbero alimentati da un generatore in grado di fornire 200kW in DC (corrente continua). Per approfondire su cosa sia uno Stellerator, vi invito a leggere l’articolo precedente: Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record

Immagine che raffigura le 4 bobine circolari (in grigio) e come verrebbe modellata la superficie magnetica (in rosso). Fonte

In Copertina

In questa bellissima foto possiamo vedere una sperimentazione del 2007 in cui venne generato del plasma neutro di azoto, oroginato da un fascio di elettroni a 200eV.

Fonte: Confinement of Nonneutral Plasmas in Magnetic Surfaces

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Cos'è il Solstizio d'Estate
Il 21 giugno 2018, alle 12:07, ricorre il solstizio d'Estate. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione calda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione
Quando i marziani si innamorano della sonda
Prima è apparso come se Marte volesse congratularsi con la sonda Mars Global Surveyor (MGS) con un volto sorridente, ora sembra che il pianeta stia dimostrando il proprio amore
La fisica dell'E-ink, l'inchiostro degli ebook reader
L'idea è nata negli anni '70, ma il suo brevetto ed il suo utilizzo commerciale inizia nel 1996. L'inchiostro elettronico, o e-ink è attualmente il metodo più diffuso
Come studiare una superficie planetaria
"La superficie dell'asteroide è ricca di silicati", "sulla cometa sono presenti molecole organiche": quando si osserva la superficie di un oggetto del Sistema Solare, come possiamo
L'IAU riconosce i primi 227 nomi delle stelle: elenco completo
Molte delle stelle che conosciamo e delle quali diamo per scontato i nomi non hanno in realtà mai ricevuto il loro nome in maniera ufficiale dalla International
Pan, il disco volante satellite di Saturno
Per la prima volta la sonda Cassini si è avvicinata abbastanza al piccolo satellite di Saturno Pan da permettere di osservarne dettagliatamente la superficie.

Che Pan avesse
Roma Tre punta gli Occhi su Giove
Venerdí 8 giugno 2018 dalle 19:00 a mezzanotte presso il Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università degli Studi Roma Tre si terrà Occhi su Giove, un evento dedicato al gigante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: