Prossima fermata: Ultima Thule

Ormai ci siamo quasi: New Horizons è prossima al flyby presso l’asteroide Ultima Thule. Si tratta del corpo più lontano ed antico mai osservato da vicino e che ci fornirà perciò preziosissime informazioni sull’origine del Sistema Solare.

Ultima Thule è stato scoperto il 26 giugno 2014 tramite l’utilizzo dell’Hubble Space Telescope tra gli oggetti della fascia di Kuiper (l’insieme di corpi minori che orbita oltre l’orbita di Nettuno).

2014 MU69, soprannominato (485968) Ultima Thule tramite voto pubblico, sarà l’oggetto del primo flyby nella storia di un oggetto della fascia di Kuiper, evento che avverrà il 1 gennaio 2019 ad una distanza di 3500 km dalla superficie dell’asteroide e a 6.5 miliardi di km dal Sole.

Di Ultima Thule sappiamo in realtà ben poco: ha circa 30 km di diametro ed una forma irregolare. Dal suo passaggio di fronte ad una stella nel 2017 sappiamo che la sua forma è a due lobi, probabilmente due corpi uniti in uno oppure un piccolo sistema binario. Senz’altro ci saranno molti crateri da impatto e non sarà un ambiente molto luminoso (arriva sulla sua superficie lo 0.05% della luce che arriva sulla Terra).

I corpi come Ultima Thule vengono chiamati “classici freddi”, perché orbitano a basse inclinazioni sul piano dell’eclittica, probabilmente quasi imperturbati fin dalla loro origine, 4.6 miliardi di anni fa. Si tratterebbe quindi del corpo più antico mai esplorato, una sorgente incredibile di informazioni sull’origine del Sistema Solare.

Ultima Thule dallo strumento LORRI di New Horizons. Credits: NASA

Per gli aggiornamenti sulla missione @NASANewHorizons. Sulla NASA TV è possibile inoltre seguire le dirette streaming:

Fonte: New Horizons: Ultima Thule

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Storia dell'acqua marziana

Su Marte c'è acqua, e molte evidenze suggeriscono che in passato ve ne fosse molta di più. Come si è formata? Dove è andata a finire? In questo articolo presentiamo lo stato dell'arte sulle
Parker Solar Probe: approfondimento sulla missione
La NASA ha appena lanciato la sonda Parker Solar Probe, una rivoluzione per la fisica solare che durerà 7 anni, durante i quali la sonda sorvolerà per ben 24 volte la
Speciale 8 Marzo: perché la scienza ha bisogno delle donne
Su iniziativa del partito socialista americano, nel 1909 venne proposta l'istituzione di una giornata della donna con l'intento di promuovere la parità dei diritti
DES: termina oggi la Dark Energy Survey
Dopo avere osservato in profondità circa un quarto del cielo australe nel corso di sei anni, la Dark Energy Survey sta concludendo la sua acquisizione dati.

La Dark Energy Survey
Le onde gravitazionali di LIGO mettono alla prova la Relatività Generale
Le onde gravitazionali sono l'ennesima conferma della teoria della Relatività Generale di Einstein, eppure potrebbero nascondere anche un aspetto
162173 Ryugu: identikit dell'obiettivo di Hayabusa2
Abbiamo approfondito i dettagli della missione Hayabusa2 (qui), abbiamo visto la sonda avvicinarsi al suo obiettivo (qui), ma poco abbiamo detto nel dettaglio dell'asteroide
Tre sonde nell'aurora

Il 2 marzo 2017 tre missili NASA sono stati lanciati in Alaska durante una spettacolare aurora boreale per lo studio delle interazioni del vento solare con l'alta atmosfera e ionosfera terrestre.
I

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: