DES: termina oggi la Dark Energy Survey

Dopo avere osservato in profondità circa un quarto del cielo australe nel corso di sei anni, la Dark Energy Survey sta concludendo la sua acquisizione dati.

La Dark Energy Survey (DES) è una collaborazione internazionale che ha come obiettivo la mappatura di centinaia di milioni di galassie e migliaia di supernovae. Lo scopo principale è quello di utilizzare questi dati per ricostruire la struttura dell’universo così da capire qualcosa in più sull’energia oscura, la componente delle equazioni di Einstein che determina in gran parte l’espansione dell’universo ma di cui ancora non conosciamo la natura.

Se non ci fosse questa componente ignota di energia, la gravità porterebbe infatti al rallentamento dell’espansione dell’universo, mentre è stata osservata una sua accelerazione. Le possibilità sono due: il 70% dell’universo è costituito da energia oscura oppure la Relatività Generale fallisce nel descrivere la gravità sulle grandi scale cosmiche.

L’obiettivo di DES, che ottiene dati fin dal 2013, è proprio quello di capire qualcosa in più dell’origine di questa espansione studiando l’espansione cosmica degli ultimi 14 miliardi di anni con grande precisione.

La collaborazione comprende oltre 400 ricercatori da 25 istituzioni di USA, Spagna, UK, Brasile, Germania, Svizzera ed Australia. Lo strumento utilizzato è la camera ad alta sensibilità da 570 Mpx, la DECam montata sul Blanco, il telescopio da 4 metri sito sull’osservatorio di Cerro Tololo, sulle Ande cilene.

Tra il 2013 ed il 2018, DES ha sfruttato questo telescopio per 525 notti di osservazione, ottenendo informazioni su 300 milioni di galassie site a miliardi di anni luce di distanza dalla Terra sparse su 5000 gradi quadrati del cielo australe (per confronto, diametro della Luna è di circa mezzo grado).

Fonte: DES

Prossima fermata: Ultima Thule

Ormai ci siamo quasi: New Horizons è prossima al flyby presso l'asteroide Ultima Thule. Si tratta del corpo più lontano ed antico mai osservato da vicino e che ci fornirà perciò preziosissime
Pan, il disco volante satellite di Saturno
Per la prima volta la sonda Cassini si è avvicinata abbastanza al piccolo satellite di Saturno Pan da permettere di osservarne dettagliatamente la superficie.

Che Pan avesse
Il premio Abel 2018: Robert Langlands
Il premio Abel viene assegnato annualmente dal Regno di Norvegia ad uno o più matematici che si sono distinti in maniera considerevole nel loro campo.
È stato istituito nel bicentenario
Prima nana bruna scoperta grazie a Backyard Worlds: Planet 9
Backyard Worlds: Planet 9 è il progetto citizen science del sito Zooniverse finanziato dalla NASA volto alla ricerca di nane brune e nono pianeta del Sistema
Il piano della Space X per andare su Marte
Tra entusiasmo  e scetticismo, Elon Musk in una conferenza ha ribadito il suo progetto di colonizzare Marte nei prossimi anni. Questa volta sembra fare sul serio e presenta i
Dove sono i troiani terrestri?
Conosciamo, tracciamo e cataloghiamo abitualmente migliaia di oggetti vicini alla Terra, i cosiddetti NEOs (Near-Earth Objects). Eppure nelle nostre informazioni mancano degli importanti
Le 365 foto del Sole nel 2016

L'ESA ha pubblicato una foto del Sole per ogni giorno del 2016. Le fotografie sono state scattate dal satellite Proba-2. Lo strumento SWAP a bordo del satellite lavora nell'Ultravioletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: