Ultima Thule: i primissimi risultati di New Horizons

New Horizons ha eseguito per la prima volta un flyby su un corpo della fascia di Kuiper, e dai dati ottenuti durante questa operazione possiamo e potremmo ottenere molti risultati di rilevanza scientifica. Le primissime analisi ci offrono una panoramica macroscopica delle caratteristiche di questo asteroide.

Innanzitutto, Ultima Thule è grande circa 33 km ed ha una forma a bilobata. Una struttura di questo tipo si pensa che possa formarsi a seguito dell’avvicinamento a bassa velocità relativa (dove per bassa si intende “minore di quella che ne causerebbe un impatto distruttivo”) dei due lobi formati come corpi separati dalla nube protoplanetaria.

Attorno all’asteroide non sembrano orbitare anelli o satelliti più grandi di 1.5 km. A causa delle limitazioni imposte dalla risoluzione dei dati non possiamo escludere che esistano, ma solo che se esistono sono più piccoli di tale valore. Ma non solo, Ultima Thule sembra essere costituito da sola nuda roccia, senza nessun tipo di atmosfera.

Il colore dell’asteroide, che già dà un’indicazione della sua composizione, è simile a quello di altri corpi simili della fascia di Kuiper analizzati per via telescopica. Inoltre questo colore è condiviso dai due lobi che caratterizzano la forma di Ultima Thule, i quali sembrano sostanzialmente identici in colore.

La trasmissione dei dati da New Horizons a Terra si interromperà per circa una settimana a causa del passaggio della sonda dietro al Sole, e verrà ripresa il 10 gennaio. A quel punto, la sonda impiegherà circa 20 mesi a trasmettere tutti i dati ottenuti, aprendo la strada a risultati di ben più ampio respiro rispetto a questi primi risultati preliminari.

Fonte: NASA New Horizons

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

DES: termina oggi la Dark Energy Survey
Dopo avere osservato in profondità circa un quarto del cielo australe nel corso di sei anni, la Dark Energy Survey sta concludendo la sua acquisizione dati.

La Dark Energy Survey
Konstantin Ė. Tsiolkovsky: 161 anni dalla nascita
Oggi, il 17 Settembre 1857 nasceva Konstantin Ėduardovič Ciolkovskij (Tsiolkovsky nella translitterazione anglosassone), il padre teorico della cosmonautica!
A causa
Stephen Hawking: chi era
14 marzo 2018, muore Stephen Hawking. Astrofisico teorico, cosmologo, divulgatore e paladino per i diritti dei disabili, Hawking è stato probabilmente l'astrofisico più celebre dei nostri tempi.
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
Strumenti dal passato: la macchina di Anticitera
Vi siete mai chiesti quali strumenti venissero utilizzati nell'antichità per la misurazione delle fasi lunari o per il movimento dei pianeti? Se non avete mai letto niente
Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande
Manuale di Fisica e Buone Maniere: recensione del libro

“Manuale di fisica e buone maniere” il racconto di occasioni perdute. Ambientato principalmente a Londra, il romanzo descrive il complesso rapporto sentimentale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: