Roger Penrose parla a Frascati

Il 25 settembre 2019, il famosissimo matematico e cosmologo Roger Penrose ha tenuto un seminario ai laboratori nazionali di Frascati (INFN) nell’ambito del workshop “Is Quantum Theory exact? From quantum foundations to quantum applications“.

Penrose, nato a Colchester nel 1931, laureato a Cambridge, è professore ad Oxford. Gli sono riconosciuti svariati premi, tra cui la medaglia Dirac, la medaglia Einstein e il premio Wolf.

Nel seminario, Penrose si è voluto riferire a tre temi principali, i quali si appoggiano in maniera sostanziale alla teoria dei twistori (che ad oggi è uno tra i suoi contributi più importanti alla Matematica):

– GQSR, ovvero Gravitationally-Induced Quantum State Reduction, https://arxiv.org/pdf/1812.04630.pdf. In cui si avanza l’ipotesi per cui, in una sovrapposizione di stati che abbiano diverse distribuzioni di massa, questa differenza generi una (auto-)energia gravitazionale che limiti l’evoluzione degli stati. La GQST un tentativo di unificare la relatività generale con la meccanica quantistica (problema aperto, uno tra i più noti in Fisica).

– Cosmologia Ciclica Conforme (CCC), è una teoria estremamente delicata, secondo la quale agli estremi di un universo si abbiano le condizioni per la creazione spontanea di nuovi universi. In particolare questo susseguirsi di universi è indicato dagli ‘eoni’. Ci sono vari lavori (tra cui: https://arxiv.org/pdf/1808.01740.pdf) in cui si hanno ‘evidenze’ di previsioni della CCC.

– Coomologia di Fasci come strumento per definire geometrie impossibili da visualizzare, ma che possono essere di interesse per la Fisica. Ne parliamo in questo articolo.

Durante tutto il seminario sono state proiettate delle suggestive diapositive realizzate, con intento artistico, dallo stesso Penrose e la natura della sua esposizione è stata un compromesso tra divulgazione e tecnica. Infatti: dal momento che una rosa così ampia di lavori è stata necessaria per spiegare i recenti sviluppi di questi temi e dal momento che i partecipanti al seminario avevano un background eterogeneo, un’esposizione troppo tecnica sarebbe stata controproducente.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: