Se i buchi neri rendessero meno oscura la materia

Uno studio di Alexander Kashlinsky della NASA spinge per l’idea che la materia oscura sia costituita da buchi neri primordiali e non da particelle esotiche e misteriose come comunemente ritenuto.

ligo20160211d

Lo studio unisce varie osservazioni, in primis studi sulla Radiazione Infrarossa di Fondo (CIB) e conclude che sono coerenti con l’ipotesi che la materia oscura sia legata all’esistenza di buchi neri primordiali, ossia formati nei primi istanti di vita dell’universo, come quelli che hanno generato la famosa onda gravitazionale rivelata da LIGO. Quest’ultima osservazione è stata determinante nello studio, in quanto ha permesso l’analisi delle masse dei due buchi neri che, collidendo, hanno generato l’onda gravitazionale e che sono risultati di 29 e 36 masse solari.
Tutte le galassie si troverebbero immerse in una sfera di buchi neri, ognuno di circa 30 masse solari, e ciò spiegherebbe la massa “in più” necessaria per far quadrare i modelli disponibili.

La materia oscura costituisce uno dei maggiori misteri che si hanno in ambito cosmologico e poterne spiegare la natura sarebbe un enorme passo avanti nelle conoscenze che possediamo dell’Universo e della sua storia.

Qualche link per approfondire:

[1] A. Kashlinsky, LIGO gravitational wave detection, primordial black holes, and the near-IR cosmic infrared background anisotropies

[2] Media INAF, E se la materia oscura fosse fatta di buchi neri?

[3] B.J.Carr, Primordial Balckholes – Recent Development

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Come funziona l'Atmosfera terrestre? - Parte I
Questo è il primo di una serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell'atmosfera terrestre: dalla composizione dell'aria che respiriamo
Nat Geo Festival delle Scienze: il programma dell'evento a Roma
Al via il National Geographic Festival delle Scienze presso l'Auditorium Parco della Musica di Roma. Da giovedì a domenica: 4 giorni intensi di conferenze,
Tanti auguri Cronache!

Il 2 febbraio 2016 veniva pubblicato questo Blog, e per festeggiare vi vogliamo riproporre i migliori articoli dell'ultimo anno, insieme ad una piccola riflessione.



Si può sempre fare di più,
L'ombra nei crateri di Cerere


Ecco come l'illuminazione dell'emisfero nord di Cerere varia con la variazione dell'inclinazione dell'asse di rotazione, rispettivamente 2°, 12° e 20° nei tre fotogrammi della GIF, dove
Speciale 8 Marzo: perché la scienza ha bisogno delle donne
Su iniziativa del partito socialista americano, nel 1909 venne proposta l'istituzione di una giornata della donna con l'intento di promuovere la parità dei diritti
Il polo sud di Giove durante il flyby del 2 febbraio


Grandi cicloni ruotano attorno al polo sud di Giove, di quando in quando interrotti da ovali bianchi, in questa foto scattata dalla JunoCam a bordo della sonda
Tiangong-1: chi rompe paga? Le politiche internazionali sui danni spaziali
Ce lo stiamo chiedendo in molti: se la Tiangong-1 dovesse cadere in un centro abitato, chi risarcirà i danni? Esistono degli accordi internazionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: