Quelle molecole organiche su Cerere

Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di questi composti rende più probabile una formazione in loco e quindi la presenza di una chimica complessa nel passato del pianeta nano.

http://www.media.inaf.it/wp-content/uploads/2017/02/VIR_mosaic.png
La regione del cratere Ernutet, le parti in rosa indicano una maggiore densità di materiale organico. Credits: INAF

Gli asteroidi possono apparire come oggetti poco interessanti dal punto di vista chimico. Ma così non è, e Cerere, con la sua presenza di minerali idrati e ricchi di ammoniaca, ghiaccio d’acqua, carbonati, sali ed a questo punto anche materia organica, è la riprova del contrario.

Il team dell’INAF, guidato da M.C. De Sanctis, ha esaminato gli spettri all’infrarosso ottenuti dalla sonda Dawn durante le orbite attorno al pianeta nano Cerere, l’oggetto più grande della Fascia Principale di Asteroidi. In alcune zone della superficie ed in particolare vicino al cratere Ernutet, hanno rintracciato le bande di assorbimento tipiche dei composti alifatici, molecole organiche come metano e butano. Gli autori hanno escluso un’origine esterna come un impatto, preferendo l’ipotesi di formazione in loco su Cerere probabilmente tramite attività idrotermale. Questo, insieme ad altre scoperte simili in passato, supporta l’esistenza di una chimica complessa prebiotica nel passato di Cerere.

I composti organici si trovano in alcuni meteoriti condritici, e la loro presenza nel Sistema Solare è nota da decenni, ma sugli asteroidi -al contrario dei nuclei cometari- è sempre stata rilevata con una certa ambiguità. Su Cerere invece è stata trovata un assorbimento a 3,4 micrometri, e questo rappresenta la firma caratteristica dei composti alifatici.

Fonte: http://science.sciencemag.org/content/355/6326/719

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
L'astuto Hans - il cavallo che sapeva contare
C'è stato un tempo in cui abbiamo creduto che la comunicazione fra uomo e animale potesse avvenire veramente. Di che tempo stiamo parlando?
Nella Berlino del 1904 viveva
Trappist-1: la cocente delusione
Ricordate il famoso sistema di Trappist-1, quello costituito da 7 pianeti rocciosi che avevano fatto tanto sperare per quanto riguarda la ricerca esobiologica? Da un recente studio sembra
In arrivo l'Asteroid Day 2017
Il 30 giugno prossimo si terrà la terza edizione dell’Asteroid Day, evento internazionale per gli appassionati di asteroidi e per coloro che li temono.



In occasione dell’evento tutte
Il Primo Uomo: il film che racconta l'allunaggio
Dopo il successo di La La Land, vincitore di sei premi Oscar, il regista Damien Chazelle e il protagonista Ryan Gosling tornano a lavorare insieme nel film Il Primo Uomo
Venere: siamo pronti per tornarci
Per quanto riguarda le missioni della NASA, Venere è uno dei più trascurati dei nostri vicini, nonostante la vicinanza sia fisica che evolutiva fa sì che avrebbe molto da dirci anche
Bolide avvistato in Nord Italia il 30 maggio: Prime immagini e spiegazione
Il 30 maggio 2017, attorno alle 23:10, moltissime persone in un'area compresa approssimativamente tra Firenze e Milano hanno potuto ammirare uno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: