Quelle molecole organiche su Cerere

Un recente studio spettroscopico effettuato da un team italiano grazie ai dati della sonda Dawn ha rivelato la presenza di composti alifatici sulla superficie di Cerere. La natura di questi composti rende più probabile una formazione in loco e quindi la presenza di una chimica complessa nel passato del pianeta nano.

http://www.media.inaf.it/wp-content/uploads/2017/02/VIR_mosaic.png
La regione del cratere Ernutet, le parti in rosa indicano una maggiore densità di materiale organico. Credits: INAF

Gli asteroidi possono apparire come oggetti poco interessanti dal punto di vista chimico. Ma così non è, e Cerere, con la sua presenza di minerali idrati e ricchi di ammoniaca, ghiaccio d’acqua, carbonati, sali ed a questo punto anche materia organica, è la riprova del contrario.

Il team dell’INAF, guidato da M.C. De Sanctis, ha esaminato gli spettri all’infrarosso ottenuti dalla sonda Dawn durante le orbite attorno al pianeta nano Cerere, l’oggetto più grande della Fascia Principale di Asteroidi. In alcune zone della superficie ed in particolare vicino al cratere Ernutet, hanno rintracciato le bande di assorbimento tipiche dei composti alifatici, molecole organiche come metano e butano. Gli autori hanno escluso un’origine esterna come un impatto, preferendo l’ipotesi di formazione in loco su Cerere probabilmente tramite attività idrotermale. Questo, insieme ad altre scoperte simili in passato, supporta l’esistenza di una chimica complessa prebiotica nel passato di Cerere.

I composti organici si trovano in alcuni meteoriti condritici, e la loro presenza nel Sistema Solare è nota da decenni, ma sugli asteroidi -al contrario dei nuclei cometari- è sempre stata rilevata con una certa ambiguità. Su Cerere invece è stata trovata un assorbimento a 3,4 micrometri, e questo rappresenta la firma caratteristica dei composti alifatici.

Fonte: http://science.sciencemag.org/content/355/6326/719

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

L'esperimento Proto-Sphera
Vi capita mai di pensare, quando guardate le stelle o mentre vi godete il calore del sole, che state ricevendo l'energia erogata da milioni di atomi che si sono fusi nel nucleo di una stella
Dal Giappone all'ISS: intervista a Marco Casolino, primo ricercatore all'INFN
Marco Casolino è un Fisico che opera presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dove è Primo Ricercatore; tiene corsi sui raggi cosmici
Trump ci riporterà sulla Luna?
Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, l'11 dicembre ha firmato una direttiva che richiede alla NASA di tornare sulla Luna. L'ordinanza presidenziale è stata effettuata senza indicazioni
Come funziona l'Atmosfera terrestre? - parte III
Terzo appuntamento con "Come funziona l'Atmosfera terrestre?", la serie di approfondimenti che vuole portarci a capire più a fondo il funzionamento dell’atmosfera terrestre:
Water Harvesting: una soluzione futuristica per la mancanza d’acqua?
Circa 4 miliardi di persone sulla terra hanno accesso limitato all’acqua e oltre 1.7 milioni persone all’anno muoiono per carenza di acqua o per la
2017 BQ6, tutti i primi scatti dell'asteroide
Il 7 febbraio scorso l'asteroide 2017 BQ6 è passato ad appena 6,6 volte la distanza Terra-Luna dalla Terra. Ecco tutte le immagini ottenute tramite l'antenna radio della NASA
OSIRIS-REx fotografa Giove e le sue lune

La PolyCam imager a bordo della sonda NASA OSIRIS-REx ha scattato questa fotografia alle 3:34 a.m. del 12 febbraio, che ritrae Giove e 3 dei 4 satelliti medicei: Callisto, Io

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: