Centinaia di galassie nascoste, proprio sotto il naso

Quante volte ci capita di non trovare qualcosa che poi scopriamo avere in tasca? Le polveri della nostra galassia ci avrebbero finora nascosto non una, ma centinaia di galassie vicine (a 250 milioni di anni luce) e ad oggi sconosciute. Un gruppo internazionale di ricerca ha messo le mani in tasca ed è riuscito a scoprirle, utilizzando il radiotelescopio australiano Parkes. 

Se vi è mai capitato di osservare un bel cielo di notte, avrete sicuramente notato quella scia luminosa di stelle che è la parte centrale della Via Lattea. La nostra posizione nella galassia è infatti piuttosto periferica, e la parte centrale della galassia ci nasconde una buona porzione di cielo, detta Zona d’ombra galattica, in corrispondenza di quella scia luminosa.

Per fortuna le onde radio riescono in buona parte ad oltrepassare questa Zona d’ombra, e su queste si è basato lo studio in questione, riuscendo a scovare centinaia di nuove galassie, finora sconosciute.

Hidden-galaxies-Animation-1-664x374
Le onde radio riescono ad attraversare la spessa coltre di stelle e polveri di cui è costituito il centro della nostra galassia, rivelandoci l’esistenza di numerose nuove galassie.

Il gruppo di ricerca ha mappato 883 galassie, un terzo delle quali non erano mai state osservate, e potrebbero spiegare il mistero del Grande Attrattore, una sorgente -finora- sconosciuta di gravità che attrae tutte le galassie del Superammasso Locale (un grande gruppo di galassie di cui fa parte anche la nostra). Calcolando che in media una galassia contiene 100 miliardi di stelle, si tratta di una grande porzione di massa che ci mancava nei calcoli.

Il lavoro che ha dovuto svolgere il team di ricerca è stato molto lungo e complesso, tanto che i dati a cui fa riferimento sono stati raccolti tra il 1997 ed il 2000 e pubblicati solo oggi!

Qui potete trovare l’articolo in questione

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

La fine di Kepler: qual è il lascito del cacciatore di esopianeti?
Dopo 9 anni a caccia di pianeti extrasolari, la missione Kepler è giunta definitivamente a compimento: finito il carburante, l'osservatorio, che già stava
Emissioni inquinanti e mezzi di trasporto moderni: Quo Vadis?

I mezzi di trasporto su strada sono responsabili per le emissioni di sostanze dannose per l'uomo e per l'ambiente e nonostante il progresso tecnologico i
ʻOumuamua, l'ospite inatteso del Sistema Solare
Tra asteroidi e comete, si contano circa 750.000 corpi minori nel nostro Sistema Solare. Di questi, qualcuno potrebbe essersi formato in altri sistemi stellari, venendo
I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
William Herschel: l'uomo che contò le stelle
Sir Frederick William Herschel (Hannover, 15 Novembre 1738 - Slough, 25 Agosto 1822) è uno dei personaggi chiave dell'astronomia.

Influenzato dal padre musicista, William
ITER: Il primo magnete superconduttore completato e "made in Italy"
Oggi, 19 Maggio 2017 è avvenuta la presentazione del primo magnete superconduttore alla ASG Superconductors situata a La Spezia, dove è stato realizzato,
L'esordio del Falcon Heavy! - la prima storica missione interplanetaria della SpaceX
Ieri, infine alle 21:45 dopo svariati rinvii a causa di forte vento in alta quota, il Falcon Heavy ha fatto il suo debutto dalla storica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: