Centinaia di galassie nascoste, proprio sotto il naso

Quante volte ci capita di non trovare qualcosa che poi scopriamo avere in tasca? Le polveri della nostra galassia ci avrebbero finora nascosto non una, ma centinaia di galassie vicine (a 250 milioni di anni luce) e ad oggi sconosciute. Un gruppo internazionale di ricerca ha messo le mani in tasca ed è riuscito a scoprirle, utilizzando il radiotelescopio australiano Parkes. 

Se vi è mai capitato di osservare un bel cielo di notte, avrete sicuramente notato quella scia luminosa di stelle che è la parte centrale della Via Lattea. La nostra posizione nella galassia è infatti piuttosto periferica, e la parte centrale della galassia ci nasconde una buona porzione di cielo, detta Zona d’ombra galattica, in corrispondenza di quella scia luminosa.

Per fortuna le onde radio riescono in buona parte ad oltrepassare questa Zona d’ombra, e su queste si è basato lo studio in questione, riuscendo a scovare centinaia di nuove galassie, finora sconosciute.

Hidden-galaxies-Animation-1-664x374
Le onde radio riescono ad attraversare la spessa coltre di stelle e polveri di cui è costituito il centro della nostra galassia, rivelandoci l’esistenza di numerose nuove galassie.

Il gruppo di ricerca ha mappato 883 galassie, un terzo delle quali non erano mai state osservate, e potrebbero spiegare il mistero del Grande Attrattore, una sorgente -finora- sconosciuta di gravità che attrae tutte le galassie del Superammasso Locale (un grande gruppo di galassie di cui fa parte anche la nostra). Calcolando che in media una galassia contiene 100 miliardi di stelle, si tratta di una grande porzione di massa che ci mancava nei calcoli.

Il lavoro che ha dovuto svolgere il team di ricerca è stato molto lungo e complesso, tanto che i dati a cui fa riferimento sono stati raccolti tra il 1997 ed il 2000 e pubblicati solo oggi!

Qui potete trovare l’articolo in questione

L'esordio del Falcon Heavy! - la prima storica missione interplanetaria della SpaceX
Ieri, infine alle 21:45 dopo svariati rinvii a causa di forte vento in alta quota, il Falcon Heavy ha fatto il suo debutto dalla storica
Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
C'è vita là fuori? Le basi dell'Astrobiologia
La ricerca della vita al di fuori della Terra continua ad essere uno dei temi più ricorrenti nella ricerca scientifica in ambito spaziale, in particolare nell'esplorazione
Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante
Trappist-1: ecco i 7 esopianeti rocciosi annunciati dalla NASA
La NASA ha finalmente annunciato la scoperta: Trappist-1 è una nana rossa, piccola e fredda, attorno alla quale orbitano ben 7 pianeti rocciosi di dimensioni
Uno per 14 e 14 per uno: osservato il megamerging di 14 galassie
Usando il Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), un gruppo internazionale di astronomi è riuscito ad osservare l'incipit di un enorme scontro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: