Hubble da Guinness dei Primati

Trovata, tramite il Telescopio Spaziale Hubble (HST), la galassia più lontana mai osservata. La luce che ci arriva da essa risale a quando l’universo aveva solo 400 milioni di anni.

image1p1607aw-crop
La galassia GN-z11, nella costellazione dell’Orsa Maggiore. Fonte: NASA, ESA

Si chiama GN-z11 la galassia scoperta da una team internazionale di ricercatori, e con la sua distanza di 13,5 miliardi di anni luce, ha la particolarità di essere la più lontana, e quindi la più antica, mai osservata. L’ultima implicazione è dovuta al fatto che per osservare un oggetto nell’universo dobbiamo aspettare che la luce emessa da quell’oggetto arrivi fino a noi e questo fa sì che la luce che riceviamo da GN-z11 sia in realtà partita quando l’universo aveva appena 400 milioni di anni (vale a dire, appunto, 13,5 miliardi di anni fa).

La misura fatta dai ricercatori è stata fatta tramite spettroscopia, con cui si ricava un parametro, detto redshift, legato all’espansione dell’universo. Da questo, pari a 11.1 per la galassia in questione, si può ricavare la distanza della sorgente della radiazione.

Il record era precedentemente detenuto da EGSY8p7, con il suo redshift pari a 8.68.

Qui un video per capire dove e quanto lontano si trova la galassia GN-z11.

 

[1] Qui lo studio in questione.

Stephen Hawking: una riflessione sull'uomo
Ieri, 14 marzo 2018, è morto Stephen Hawking. Abbiamo letto messaggi, riflessioni e commemorazioni di tutti i tipi sul web, ad indicare quanto fosse una figura amata da molti.
Il piano della Space X per andare su Marte
Tra entusiasmo  e scetticismo, Elon Musk in una conferenza ha ribadito il suo progetto di colonizzare Marte nei prossimi anni. Questa volta sembra fare sul serio e presenta i
Water Harvesting: una soluzione futuristica per la mancanza d’acqua?
Circa 4 miliardi di persone sulla terra hanno accesso limitato all’acqua e oltre 1.7 milioni persone all’anno muoiono per carenza di acqua o per la
Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande
Ultima Thule: i primissimi risultati di New Horizons

New Horizons ha eseguito per la prima volta un flyby su un corpo della fascia di Kuiper, e dai dati ottenuti durante questa operazione possiamo e potremmo ottenere
EHT: uno sguardo all'orizzonte

Il 10 aprile 2019 il team di ricercatori dell'Event Horizon Telescope ha presentato, durante una conferenza stampa a Bruxelles, il suo risultato rivoluzionario riguardo la ricerca sui buchi
Il ghiaccio sotterraneo di Marte
Su Marte c'è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine

0 pensieri riguardo “Hubble da Guinness dei Primati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: