Aurore in Gran Bretagna

Nella giornata di Domenica 6 Marzo i cieli della Scozia e del Nord dell’Inghilterra si sono colorati di verde e rosso a causa di un intenso fenomeno aurorale. Si tratta di un fenomeno piuttosto insolito, in quanto l’aurora boreale in genere non è visibile sotto i 60° di latitudine. Si consideri che il Regno Unito è interamente compreso tra i 50° e i 60° di latitudine. Non di rado capita che il fenomeno sia visibile all’estremo Nord della Scozia, ma in questo caso invece è stato visibile fino al Nord dell’Inghilterra, anche a meno di 55° dall’equatore.

Ma cosa sono queste aurore?

Di quando in quando il sole espelle dalla sua superficie parte del plasma di cui è costituito, lanciandolo sotto forma di velocissimi venti solari: particelle cariche che viaggiano a migliaia di kilometri al secondo seguendo una traiettoria spiraleggiante nello spazio interplanetario.
Può accadere che viaggiando, queste particelle si scontrino con la cosidetta fascia di Van Hallen, una regione del campo magnetico terrestre in cui le particelle restano intrappolate tramite il fenomeno della cosiddetta bottiglia magnetica. Qui il vento solare intrappolato ionizza le particelle dell’alta atmosfera terrestre dando luogo al fenomeno dell’aurora boreale.

Qui di seguito una serie di fotografie rimbalzate sui social durante l’evento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

[1] The Press and Journal, An unbelievable display of the Northern Lights last night

[2] Aurora Watch UK

L'importanza della filosofia nella ricerca scientifica
Mi trovo spesso dentro discorsi dove si "disdegna" e si declassifica la filosofia nell'ambito scientifico, come se parlare di metafisica fosse un crimine contro l'umanità.
Alla ricerca di meteoriti – come trovarle e riconoscerle
Ospitiamo come ormai da consuetudine per l'Asteroid Day, un contributo di Nicola Mari, geologo planetario a Glasgow che si occupa anche di divulgazione scientifica.
Storia dell'acqua marziana

Su Marte c'è acqua, e molte evidenze suggeriscono che in passato ve ne fosse molta di più. Come si è formata? Dove è andata a finire? In questo articolo presentiamo lo stato dell'arte sulle
Betelgeuse fotografata da ALMA in alta risoluzione

Per quanto si aumentino gli ingrandimenti, da un telescopio amatoriale quel punto arancione resterà sempre un punto. Diverso è se il telescopio non è amatoriale ma
Un buco nero da record
Gli astronomi dell'Australian National University hanno trovato un buco nero incredibilmente rapido nell'aumentare le proprie dimensioni fagocitando materia, tanto da detenere il record di accrescimento
Non c'è 9 senza 10: il Sistema Solare oltre Planet 9
Nuovi indizi lasciano intuire la presenza di un nuovo pianeta roccioso, delle dimensioni di Marte, nella fascia di Kuiper. Lo studio è stato effettuato da Kat Volk
Strumenti dal passato: la macchina di Anticitera
Vi siete mai chiesti quali strumenti venissero utilizzati nell'antichità per la misurazione delle fasi lunari o per il movimento dei pianeti? Se non avete mai letto niente

0 pensieri riguardo “Aurore in Gran Bretagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: