ExoMars, pronto a decollare

Lunedì 14 marzo verrà avviata la prima parte della missione ExoMars, con cui l’Agenzia Spaziale Europea affronterà lo studio dell’ambiente del Pianeta Rosso in cerca di tracce biologiche.

ExoMars_combi_350La missione è costituita da una sonda che resterà in orbita per studiare l’atmosfera marziana, e dal modulo Schiaparelli, tutto italiano, che invece atterrerà sul suolo del pianeta. Quest’ultimo, in particolare, è importante soprattutto in vista della seconda parte della missione, che prevede il lancio di un rover nel 2018. Schiaparelli serve infatti come prova generale per i sistemi di atterraggio che saranno utilizzati sul rover e che devono essere completamente automatizzati a causa della distanza che ci separa dal Pianeta Rosso e che impedisce il collegamento diretto dei segnali*. Ad ogni modo la strumentazione a bordo di Schiaparelli sonderà il territorio circostante il punto di atterraggio fino all’esaurimento dell’energia del modulo, che non è dotato di pannelli solari.

122729447-794c12b5-8fa2-4ceb-b5c6-ab5669ac86a1
La manovra di atterraggio del modulo Schiaparelli

La sonda orbitante dovrà studiare a fondo la composizione chimica dell’atmosfera marziana, in cerca soprattutto di tracce biologiche presenti o passate che possano aver generato i gas tipici dei processi biologici, quali ad esempio il metano.

Il lancio avverrà alle 10:31 di Lunedì 14 marzo a Baikonur, in Kazakhstan, per mezzo di un vettore Proton, contributo dell’agenzia spaziale russa. Sul sito dell’ESA è possibile assistere alla diretta streaming del lancio.

*Marte si trova a circa 9 minuti luce dalla Terra, il che vuol dire che un segnale inviato alla o dalla sonda impiegherebbe circa 9 minuti a raggiungere l’obiettivo, rendendo di fatto impossibile la manovra manuale dell’atterraggio, che dovrebbe durare circa 6 minuti.

[1] ESA, Exomars Overview
[2] LeScienze, Al via Exomars, La nuova missione europea verso Marte

Quando i marziani si innamorano della sonda
Prima è apparso come se Marte volesse congratularsi con la sonda Mars Global Surveyor (MGS) con un volto sorridente, ora sembra che il pianeta stia dimostrando il proprio amore
Water Harvesting: una soluzione futuristica per la mancanza d’acqua?
Circa 4 miliardi di persone sulla terra hanno accesso limitato all’acqua e oltre 1.7 milioni persone all’anno muoiono per carenza di acqua o per la
Uno per 14 e 14 per uno: osservato il megamerging di 14 galassie
Usando il Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), un gruppo internazionale di astronomi è riuscito ad osservare l'incipit di un enorme scontro
Spot the Station: il widget della NASA per trovare l'ISS
La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo,
Le ultime immagini di Opportunity
Queste immagini sono le ultime prese da Opportunity prima che la sua ultima tempesta di polvere globale oscurasse il cielo, portando alla perdita definitiva delle comunicazioni con il
Hayabusa2: approfondimento sulla missione della JAXA
Hayabusa2 è l'erede della misione Hayabusa (dal giapponese, falco pellegrino). Hayabusa nel 2005 ha visitato l'asteroide (25143) Itokawa, osservandolo per circa 2 mesi
Il ghiaccio sotterraneo di Marte
Su Marte c'è acqua? Ormai è noto che in alcune regioni su Marte si trova del ghiaccio sotto la superficie. Ma quanto sia questo ghiaccio è ancora ignoto. Uno studio uscito su Science Magazine

0 pensieri riguardo “ExoMars, pronto a decollare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: