Prima osservazione della compagna di una supernova

Un gruppo internazionale di ricercatori guidato da G.H.Marion potrebbe aver osservato per la prima volta le emissioni della compagna di una supernova di tipo Ia.

SN2012cg-664x461
La supernova SN 2012cg

Si chiama SN 2012cg ed è una supernova che si trova molto distante da noi, a circa 50 milioni di anni luce nella costellazione della Vergine.
Le supernovae sono delle esplosioni molto violente ed intense che caratterizzano la fase finale della vita di alcune tipologie di stelle. Nel caso delle supernovae di tipo Ia, questa esplosione avviene nel momento in cui una nana bianca (una stella molto densa e compatta), riceve massa da una stella vicina: nel momento in cui la massa supera il cosiddetto limite di Chandrasekar (pari a 1.4 masse solari) la stella collassa e si ha l’esplosione della supernova.

Finora non era mai stata osservata la compagna della nana bianca, ma il 17 Maggio 2012 è stata scoperta SN 2012cg. Questa è stata osservata dagli astronomi per alcune settimane, ed è risultato un eccesso di emissione nella banda del blu che si ritiene possa essere dovuto alla stella compagna.  L’osservazione risulta infatti in accordo con quanto previsto nel caso in cui la massa della stella compagna sia maggiore di 6 masse solari.

La tempistica dell’osservazione è stata l’elemento chiave di questa probabile scoperta, in quanto il telescopio Katzman Automatic Imaging Telescope è stato puntato verso l’oggetto il giorno dopo l’esplosione, permettendo quindi di osservare l’evoluzione della supernova nelle sue prime fasi.

Non si è ancora certi che quella osservata sia effettivamente la compagna, in quanto l’eccesso di radiazione nel blu potrebbe essere spiegato anche in altri modi.

[1] Media INAF, La supernova e la sua (forse) compagna
[2] G.H. Marion et al, SN 2012cg: evidence for interaction between a normal type Ia supernova and a non-degenerate binary companion, arXiv.org

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Stephen Hawking: chi era
14 marzo 2018, muore Stephen Hawking. Astrofisico teorico, cosmologo, divulgatore e paladino per i diritti dei disabili, Hawking è stato probabilmente l'astrofisico più celebre dei nostri tempi.
Nakhliti e vulcani marziani: nuovi importanti indizi sulla loro storia
Un nuovo studio pubblicato su Nature a prima firma B.E. Cohen fornisce importanti ed innovativi indizi sull'evoluzione dei vulcani marziani e sull'origine
La curva di luce di TRAPPIST-1, ovvero: come funziona il metodo dei transiti?
Esistono diversi modi per scoprire un pianeta extrasolare e determinarne le proprietà di interesse. Uno di questi, e quello per ora più fruttuoso,
Guida ai Satelliti di Marte
Eccoci con il terzo appuntamento con le guide sui satelliti del Sistema Solare scritte dall’instancabile Alessandro Bologna, astrofilo divulgatore che si occupa della gestione della nostra
Il complottismo deve essere tollerato?
È da tempo ormai che lo spirito di George Orwell imperversa fra la popolazione instillando dubbi e paranoie sulla popolazione. Stiamo vivendo in un'epoca dove la scienza ufficiale
La stella di Scholz e le comete degli uomini di Neanderthal
Altro che "stelle fisse": le stelle si muovono, e anche molto, all'interno della propria galassia. La stella di Scholz passò a meno di un anno luce dal Sole
Cos'è il Solstizio d'Inverno
Il 21 dicembre 2018, alle 22:22, ricorre il solstizio d'inverno. Ma perché questa data indica l'inizio della stagione fredda nei calendari?

Non tutti sanno, forse, che l'inizio di una stagione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: