Le lune bebè di Saturno

Secondo uno studio pubblicato su The Astrophysical Journal, alcune delle lune di Saturno avrebbero circa 100 milioni di anni. Si pensava che le lune avessero la stessa età del pianeta (circa 4 miliardi di anni), ma alcune simulazioni dell’andamento delle orbite hanno portato gli studiosi a ricredersi.

Dione02_Cassini_960

Le orbite infatti si modificano, allargandosi e velocizzandosi, a causa degli effetti mareali tra i moti dei satelliti ed il fluido che costituisce Saturno. Sfruttando i dati della sonda Cassini e simulazioni al computer dello sviluppo di queste orbite, gli studiosi sono riusciti a ricavare questo importante risultato: le lune principali di Saturno sono giovanissime, risalendo infatti solo a 100 milioni di anni fa.

In particolare si ritiene che Saturno avesse già un sistema di satelliti, ma che questi a causa di impatti e collisioni, si siano in parte distrutti per poi riformarsi nella conformazione che osserviamo oggi.

[1] Media Inaf, Lune di Saturno: più giovani dei dinosauri?
[2] M. Cuk et al, Dynamical evidence for a late formation of Saturn’s moons

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Parker Solar Probe: approfondimento sulla missione
La NASA ha appena lanciato la sonda Parker Solar Probe, una rivoluzione per la fisica solare che durerà 7 anni, durante i quali la sonda sorvolerà per ben 24 volte la
In arrivo l'Asteroid Day 2017
Il 30 giugno prossimo si terrà la terza edizione dell’Asteroid Day, evento internazionale per gli appassionati di asteroidi e per coloro che li temono.



In occasione dell’evento tutte
Ascensore spaziale: dalla fantascienza dell'Onniologo ad una possibilità reale
Uno dei maggiori problemi dell'esplorazione spaziale è che occorre utilizzare una grande massa (il carburante) che si perde poco dopo il lancio.
Prima immagine della nascita di un pianeta
Per la prima volta, un team di astronomi è riuscito ad osservare direttamente un pianeta in formazione attorno ad una stella, confermando anche i modelli di formazione stellare
Le onde gravitazionali di LIGO mettono alla prova la Relatività Generale
Le onde gravitazionali sono l'ennesima conferma della teoria della Relatività Generale di Einstein, eppure potrebbero nascondere anche un aspetto
Il premio Nobel per la Fisica 2016
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. La commissione di Stoccolma ha infatti scelto come
I semi della Chang'e-4, facciamo chiarezza

Sono germogliati o no? Sono vivi o sono morti? Le foto erano dalla Luna o dalla Terra? Insieme alle piante c'erano bachi da seta o moscerini da frutta? Sono morti a causa di

0 pensieri riguardo “Le lune bebè di Saturno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: