Spot the Station: il widget della NASA per trovare l’ISS

La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo, tipicamente all’alba o al tramonto, non si può fare a meno di notarla, essendo il secondo oggetto più brillante dopo la Luna.

La NASA ha allora messo a disposizione un semplice ed intuitivo widget per i possessori di siti e blog che vogliono inserire la possibilità di controllare quando avverrà il prossimo passaggio dell’ISS nel cielo soprastante la propria città.

Questa settimana La Stazione Spaziale Internazionale ha raggiunto la sua orbita n° 100.000 da quando il suo primo componente, il modulo cargo Zarya, è stato lanciato il 20 novembre 1998.

La traiettoria dell’orbita dell’ISS passa sopra le teste del 90% della popolazione mondiale, che la potrà vedere nel momento definito da questo widget solo se si trova al di sopra di ostacoli come edifici o alberi che ne potrebbero occultare la vista.

Il widget è disponibile in due versioni che differiscono solo esteticamente, ma forniscono le stesse informazioni: data e orario del prossimo passaggio, durata, altezza massima e la direzione in cui guardare per vederla apparire e scomparire. Cliccando su “More Sightings” si possono inoltre vedere quali saranno i passaggi successivi al prossimo.

Su questo sito è possibile trovare i link al codice da incorporare sul proprio sito.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Cos'è l'equinozio di Primavera
Oggi, 20 marzo 2018 alle 17:15, ricorre l'equinozio di Primavera. Ma perché esiste una data precisa che indica la variazione di stagione?
Non tutti sanno, forse, che l’inizio di una stagione
DES: termina oggi la Dark Energy Survey
Dopo avere osservato in profondità circa un quarto del cielo australe nel corso di sei anni, la Dark Energy Survey sta concludendo la sua acquisizione dati.

La Dark Energy Survey
Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione
Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo
A tutto plasma! - Parte II
In questa seconda parte tratteremo delle altre tipologie di propulsori al plasma, quelle più usate, più studiate e forse le più ambiziose.

Hall Effect Thrusters (HET)



Gli HET, o Propulsori
Cambiamento climatico ed attività solare: ci sono legami?
Si tratta di un tema caldo, che scalda gli animi perché spesso intrecciato con la politica, e che scalda anche l'atmosfera del pianeta su cui abitiamo. Spesso
Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record
Il Wendelstein 7-X ha acquisito un nuovo record per gli Stellarator. Negli esperimenti scorsi il reattore ha raggiunto temperature e densità del plasma più elevate, impulsi più
A tutto plasma! - parte III
Nella prima parte abbiamo analizzato le cause del moto e di conseguenza i principi fisici dietro al funzionamento di qualsiasi propulsore (III principio della dinamica, conservazione della

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: