Giove, il gigante: la chimica e il collasso

Si analizzano qui di seguito le principali caratterestiche chimiche ed energetiche di Giove, in vista dell’arrivo della sonda JUNO previsto per il prossimo 4 luglio.

giove
Panoramica su Giove, NASA/Damian Peach 2010

Giove è formato perlopiù di massa allo stato liquido e gassoso; con un raggio equatoriale di 71492 km, è il più grande pianeta del Sistema Solare, e viene classificato come gigante gassoso. Mentre l’atmosfera dei pianeti terrestri è appena dell’ordine di 1/10.000 della massa totale del pianeta, infatti, i pianeti gioviani sono dominati dai volatili e sono caratterizzati da un involucro estremamente massivo e ricco di idrogeno allo stato fluido che costituisce la quasi totalità del pianeta.

Questo tipo di pianeti possono mantenere un’atmosfera di tali proporzioni poiché essendo di notevole massa, sono meno soggetti alla fuga di gas leggeri a causa dell’elevata velocità di fuga (la velocità necessaria ad una particella per sfuggire al campo gravitazionale del pianeta, 59.5 m/s nel caso di Giove). Per questa ragione i pianeti gioviani si comportano come sistemi chiusi e mantengono una composizione atmosferica simile a quella primordiale. Ciò non significa che non vi sia evoluzione: vi sono infatti evidenze di un lento collasso che causa una conversione dell’ energia potenziale gravitazionale in energia radiativa nel medio infrarosso. In tal modo il raggio e la temperatura di superficie variano col tempo anche se non in misura particolarmente significativa da renderne necessario lo studio su piccole scale temporali (circa 1 mm/y). Dal punto di vista chimico invece quest’effetto è di fondamentale importanza in quanto il collasso rilascia un’elevata quantità di energia negli strati più interni del pianeta, generando fenomeni di convezione.
Questi fenomeni portano le particelle che si trovavano all’equilibrio chimico negli strati interni verso gli strati esterni, dove non si trovano più all’equilibrio. D’altro canto, particelle generate da processi di fotolosi ultravioletta negli strati esterni vengono portate verso l’interno del pianeta e reagiscono con altre sostanze per raggiungere l’equilibrio chimico.
La composizione chimica di Giove è molto simile a quella che avrebbe il Sole a bassa temperatura e l’abbondanza relativa di idrogeno, elio, metano e ammoniaca sono in accordo con le abbondanze degli elementi costitutivi del Sole. Se fosse più massiccio Giove potrebbe innescare semplici reazioni nucleari e sarebbe classificato come stella invece che come pianeta.

Lo strato esterno dell’atmosfera è costituito da piccoli cristalli di ammoniaca solida mentre la composizione chimica del pianeta sarà dominata da idrogeno ed elio (al 99%) e presenterà solo tracce degli altri elementi.
Persino l’ammoniaca ed il metano, che sono i principali componenti delle nubi sono presenti solo in una parte su diecimila.
Le specie chimiche presenti più rilevanti sono:

chimicaAmmoniaca (NH3): è molto abbondante nei primi strati per poi ridursi improvvisamente a causa della condensazione delle nubi e della fotolisi
Acqua (H2O):  è molto meno abbondante dell’ammoniaca, ma trovandosi in strati più interni del pianeta, non ne conosciamo l’abbondanza precisa.
Acido solfidrico (H2S): non è stato rilevato, ma ci si aspetta di trovarlo sotto le nubi.
Fosfina (PH3), Germano (GeH4), Arsina (AsH3), Monossido di Carbonio (CO): trovati in abbondanze simili a quelle aspettate per le abbondanze cosmiche, ma non per quelle gioviane. Dovrebbero essere instabili negli strati superiori e perciò si pensa che siano formati a livelli molto inferiori e trasportati dai fenomeni di convezione di cui sopra.
I colori delle nubi variano nel tempo, ma è incerta la loro origine. NH3, H2S e H2O sono incolori, ma zolfo, fosforo e composti organici potrebbero unirsi in diversi composti, detti cromofori, che generano il tipico colore visibile e che varia a causa dei venti.

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

[1] John H. Rogers, The Giant Planet Jupiter, Cambridge University press 1995.

Il radiotelescopio cinese FAST entra in funzione
Il 25 settembre scorso è stato inaugurato il Five hundred-meter Aperture Spherical Telescope, il nuovo radiotelescopio cinese. Si tratta del radiotelescopio più grande
Venere: siamo pronti per tornarci
Per quanto riguarda le missioni della NASA, Venere è uno dei più trascurati dei nostri vicini, nonostante la vicinanza sia fisica che evolutiva fa sì che avrebbe molto da dirci anche
5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza
Il 3 gennaio 1892 nasceva J.R.R. Tolkien, filologo e scrittore inglese autore del celeberrimo Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. La sua mitologia ha influenzato
Fratture di fango nel terreno marziano
Numerose fotografie inviate dal rover marziano Curiosity sembrano mostrare la presenza di mud cracks, le fratture che si generano a causa del disseccamento del fango.




Spot the Station: il widget della NASA per trovare l'ISS
La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo,
Il Primo Uomo: il film che racconta l'allunaggio
Dopo il successo di La La Land, vincitore di sei premi Oscar, il regista Damien Chazelle e il protagonista Ryan Gosling tornano a lavorare insieme nel film Il Primo Uomo
La stella di Scholz e le comete degli uomini di Neanderthal
Altro che "stelle fisse": le stelle si muovono, e anche molto, all'interno della propria galassia. La stella di Scholz passò a meno di un anno luce dal Sole

Stelle cadenti: cosa sono e quando osservarle
Anche quest'anno milioni di persone passeranno la notte di San Lorenzo con lo sguardo verso il cielo nella speranza di osservare qualche piccolo bagliore luminoso. Facciamo
Le ultime immagini di Opportunity
Queste immagini sono le ultime prese da Opportunity prima che la sua ultima tempesta di polvere globale oscurasse il cielo, portando alla perdita definitiva delle comunicazioni con il
Il cratere dell'eclissi
Lunedì 21 gennaio 2019 la Luna si è tinta di rosso a causa dell'ostruzione dei raggi solari da parte della Terra. Durante l'eclissi totale molti fotografi si sono potuti stupire nel notare un piccolo
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
Yusaki Maezawa, il progetto #dearMoon ed il BFR
Lunedì 17 Settembre 2018 alle 6.00 pm EST (3.00 am del 18 Settembre 2018 CET) c'è stata la conferenza stampa presso il quartier generale della SpaceX in California ed è
Oltre le nubi di Venere

Con una pressione circa 90 volte quella terrestre ed una temperatura oltre il doppio della nostra, è un inferno di anidride carbonica avvolto da un banco di nubi di acido solforico. In questo
Un laboratorio a portata di smartphone
Forse non potrà ancora fare il caffè espresso però da oggi il nostro smartphone si trasforma in un perfetto laboratorio di fisica.

Grazie a Phyphox, acronimo per PHYsics PHOne eXperiment,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: