Le nuove foto che parlano della geologia di Marte

Dal rover Curiosity della NASA arrivano nuove spettacolari immagini che ci danno informazioni preziose riguardo la geologia marziana ed i processi che hanno portato da condizioni di abitabilità a condizioni di aridità e inospitalità per la vita.

Il passato geologico di Marte si mostra con incredibile dettaglio in queste nuove fotografie a colori del rover Curiosity, che sta terminando l’esplorazione della regione di Murray Buttes (chiamata così nel ricordo del planetologo Bruce C. Murray, scomparso nel 2013), alle pendici dell’Aeolis Mons (Mount Sharp).

Le butte sono colline isolate con versanti molto ripidi, tipiche ad esempio della Monument Valley in Arizona. Si formano per erosione quando una roccia più resistente ripara una porzione di un rilievo formato da una roccia meno resistente.

Le butte marziane sono ciò che rimane di rilievi di arenaria formati a partire da sabbia proveniente dall’erosione del Mount Sharp. La stratificazione qui visibile è chiamata cross-bedding ed indica che l’arenaria si è formata tramite la deposizione di sabbia in dune migranti. “Studiare queste butte così da vicino – parla A.R. Vasavada, membro del team della missione- ci ha permesso di avere una maggiore comprensione delle antiche dune di sabbia formate, seppellite, erose e alterate chimicamente che hanno formato il paesaggio che osserviamo oggi“.

Le nuove fotografie sono state scattate durante l’ultimo stop di Curiosity a Murray Buttes, l’8 settembre, dopo circa un mese di percorso attraverso questa regione. Il 9 settembre è iniziata l’ultima campagna di perforazione, dopo la quale Curiosity proseguirà verso Sud per salire sul Mount Sharp, lasciandosi alle spalle queste spettacolari formazioni.

Curiosity è atterrato vicino al Mount Sharp nel 2012, ha raggiunto le sue pendici nel 2014 dopo aver trovato sufficienti evidenze del fatto che nelle pianure circostanti il monte Marte offriva in passato le condizioni necessarie per la sopravvivenza di microbi in antichi laghi. Gli strati di roccia osservabili in queste fotografie sono il risultato di processi di sedimentazione avvenuti in questi laghi miliardi di anni fa.

 

 

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

NASA Space Apps Challenge: arriva l'Hackathon a Torino
48 ore ed un obiettivo: sviluppare un'app che proponga idee e soluzioni alle sfide dello Spazio e della Terra. Il 20 ed il 21 ottobre a Torino torna la NASA Space
I segni dei ghiacci polari di Marte

In questa immagine prodotta dalla sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter, si può osservare un aspetto interessante di alcune regioni della superficie marziana. Il terreno  che
Pint of Science 2018, ecco tutti gli appuntamenti
Anche quest'anno torna Pint of Science, l'iniziativa di comunicazione scientifica che porta i ricercatori nei locali a parlare di scienza, sorseggiando una bella birra.
Le dune scure di Marte fotografate dall'MRO


Le macchie scure visibili nelle fotografie sono delle tipiche dune di sabbia marziana. La maggior parte della sabbia sulla Terra è composta del minerale noto come quarzo,
Spot the Station: il widget della NASA per trovare l'ISS
La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da molte località del globo ma solo in alcuni momenti della giornata. Quando passa nel proprio spicchio di cielo,
20 ottobre, il picco delle Orionidi, i frammenti della cometa di Halley
In agosto stiamo quasi tutti con il naso all'insù a contare le stelle cadenti di San Lorenzo. Tuttavia quello non è l'unico sciame osservabile durante
Non c'è 9 senza 10: il Sistema Solare oltre Planet 9
Nuovi indizi lasciano intuire la presenza di un nuovo pianeta roccioso, delle dimensioni di Marte, nella fascia di Kuiper. Lo studio è stato effettuato da Kat Volk

Un pensiero riguardo “Le nuove foto che parlano della geologia di Marte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: