Cassini invia nuove incredibili foto degli anelli di Saturno

Le ultimissime fotografie pubblicate dal team della missione Cassini della NASA mostrano gli anelli di Saturno ad un livello di dettaglio mai visto prima.

Quest’immagine mostra una regione esterna dell’anello B di Saturno, fotografata da Cassini il 18 dicembre 2016 da una distanza di 52.000 km dagli anelli, ad un livello di dettaglio mai visto prima. Il bordo dell’anello B è perturbato dal più forte effetto di risonanza che interessa gli anelli, in relazione al satellite Mimas. In genere se si ha un sistema di molti corpi legati gravitazionalmente, il moto di un corpo al suo interno può essere considerato caotico, ossia gli effetti medi sul corpo sono mediamente nulli. Ciò non è vero se il moto di un corpo rispetto ad un altro si trova in risonanza, ossia il rapporto tra i periodi di rivoluzione è dato da interi piccoli: Mimas e l’anello B si trovano in risonanza 2:1, che significa che ogni orbita di Mimas corrisponde a 2 orbite dell’anello B. Questo significa che gli effetti gravitazionali di Mimas non saranno annullati dal moto caotico e saranno quindi ben osservabili.
Anche questa foto mostra una regione esterna dell’anello B di Saturno fotografata il 18 dicembre 2016 da una distanza di 51.000 km dal piano degli anelli. Ai ricercatori si presenta l’ardua sfida di comprendere in che modo si sia formata la struttura complessa degli anelli visibile in questa e nelle altre fotografie ed il livello di dettaglio molto elevato sarà senz’altro di aiuto nell’impresa. Per mantenere il livello di dettaglio più fine, l’immagine non è stata processata per rimuovere le macchie bianche, create da particelle cariche e raggi cosmici vicino al pianeta.

Si passa qui all’anello A di Saturno. Nell’anello sono presenti numerose perturbazioni ad elica dovute alla forza di gravità esercitata dalle piccole lune che orbitano nella regione. Grazie al livello di dettaglio della fotografia è possibile rilevare la presenza di eliche anche 10 volte più piccole di quelle osservate e tracciate di routine in passato. Nell’immagine successiva sono evidenziati con dei cerchi alcune di queste eliche. Il dettaglio più evidente nella fotografia è però l’onda di densità creata dall’interazione tra l’anello ed il satellite Prometeo (che sono in risonanza 12:11). Queste onde di densità sono perturbazioni spiraleggianti di densità che si propagano all’interno degli anelli a causa della variazione di campo gravitazionale dovuto al passaggio della luna.

Un’altra fotografia dell’anello A di Saturno, che si trova a 134.500 km di dal livello delle nubi del pianeta. A causa della presenza delle lune Epimeteo e Giano, le particelle si accumulano in alcune regioni degli anelli, generando onde di densità.

Fonte: NASA Photojournal

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Non c'è 9 senza 10: il Sistema Solare oltre Planet 9
Nuovi indizi lasciano intuire la presenza di un nuovo pianeta roccioso, delle dimensioni di Marte, nella fascia di Kuiper. Lo studio è stato effettuato da Kat Volk
Accordo Milne-ESO: il VLT cercherà pianeti abitabili attorno ad Alfa Centauri
La Breakthrough Initiatives del magnate russo Yuri Milne finanzierà un aggiornamento del Very Large Telescope volto alla ricerca di pianeti
Tutti i premi Nobel 2018
Dal 1 all'8 ottobre 2018 sono stati annunciati i vincitori dei premi Nobel di quest’anno. Di seguito tutto quello che c’è da sapere a riguardo.
Alfred Nobel, istituì il premio che porta il suo
Il premio nobel per la Fisica 2017
Che il premio nobel 2016 per la Fisica andasse a LIGO per le onde gravitazionali sembrava quasi scontato, eppure così non è stato. In realtà alle onde gravitazionali non poteva proprio
Hawaii: esploso il vulcano Kilauea
Le prime ore della mattina di oggi sono state piuttosto turbolente per i cittadini hawaiiani, che seppur evacuati per tempo, hanno visto esplodere il Kilauea, uno dei più noti vulcani
Acqua liquida sotto la superficie di Marte

Lo strumento MARSIS a bordo della missione Mars Express dell'ESA ha rilevato la presenza di una riserva di acqua liquida al di sotto della regione polare sud di Marte. La scoperta
OSIRIS-REx e Bennu: siamo arrivati
A pochi giorni dall'arrivo di InSight su marte, un'altra missione planetaria giunge al suo obiettivo. Oggi, 3 dicembre 2018, infatti, la sonda OSIRIS-REx della NASA si inserirà in orbita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: