KELT-9b: il pianeta più caldo mai osservato

KELT-9b è il nome di un pianeta hot jupiter scoperto da poco nel sistema di KELT-9 che sfida qualunque pianeta finora osservato, avendo una temperatura di oltre 4600 K, maggiore anche di molte stelle. Lo studio pubblicato su Nature.

Credits: NASA
Gli hot jupiter sono pianeti giganti gassosi come i nostri Giove o Saturno che orbitano velocissimamente e ad una distanza piccolissima dalla propria stella, tanto da scaldarsi molto e diventare quindi “hot”.

Ed infatti la temperatura di KELT-9b sul lato diurno è di oltre 4000 °C, maggiore della temperatura superficiale di molte stelle, ed ha una massa quasi tre volte (2.8) quella del nostro Giove. Il lato diurno è poi in genere sempre lo stesso per pianeti di questo tipo, a causa dell’agganciamento mareale, come succede per la Luna, che mostra sempre la stessa faccia a noi terrestri. Probabilmente,  come si vede nella seguente rappresentazione, KELT-9b possiede una coda come quella delle comete, a causa dell’eccessiva vicinanza alla propria stella che causa l’espulsione di materiale dall’atmosfera del pianeta.

 
Un aspetto molto particolare di KELT-9b è che questo pianeta orbita perpendicolarmente al piano equatoriale della stella in soli due giorni. KELT-9 è una stella giovane, avendo solo 300 milioni di anni ed è circa due volte più grande e quasi due volte più calda del nostro Sole, in quanto arriva a quasi 10.000 K di temperatura, mentre il nostro Sole non arriva a 6000 K.
Un buco nero da record
Gli astronomi dell'Australian National University hanno trovato un buco nero incredibilmente rapido nell'aumentare le proprie dimensioni fagocitando materia, tanto da detenere il record di accrescimento
Motori come computer. Perché usare un gran numero di motori
Prima che il Falcon Heavy facesse il suo debutto nessun razzo con un così gran numero di motori è mai riuscito ad arrivare in orbita. Si può pensare che i vettori
Le nuove foto della cometa di Rosetta in HD
Può una cometa cambiare nel tempo? Vedendo le immagini spesso si ha l'impressione che quei "sassi" che orbitano nel Sistema Solare siano dei corpi deserti e sempre uguali a
Stella di Planck: cosa c'è in fondo a un buco nero?

Disclaimer: questo articolo contiene idee di frontiera nell'ambito della fisica gravitazionale e, come per tutti gli ambiti di frontiera il loro sviluppo teorico è
Medaglie Fields 2018, l'italiano Alessio Figalli tra i vincitori

La medaglia Fields, in onore del professor John Charles Fields, è un premio che viene assegnato ogni quattro anni in occasione del congresso internazionale
Il Primo Equipaggio della Crew Dragon - Aggiornamenti su Starliner e Dream Chaser

La nuova missione Demo 2 si appresta a decollare da Cape Canaveral verso la ISS a più di un anno dalla prima missione di prova: la Demo
Plutone di nuovo un pianeta? Alan Stern propone una nuova definizione
Ad alcuni il fatto che Plutone sia stato declassato a pianeta nano da pianeta vero e proprio continua a non andare giù. La proposta del planetologo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: