NGC 6231, un ammasso di neonate nello Scorpione

NGC 6231, situato a circa 5200 anni luce dalla Terra, è un soggetto incredibilmente interessante per lo studio degli ammassi stellari. Si trova infatti alla fine della fase di formazione stellare, un momento cruciale nella vita di un ammasso, e perciò è stato lungamente osservato con il Chandra X-ray Observatory della NASA.

Scoperto da Giovanni Battista Hodierna nel 1654, NGC 6231 si trova nei pressi della coda dello Scorpione, a 5200 anni luce di distanza e sul piano della Via Lattea nella volta celeste. L’osservatorio Chandra è stato usato per identificare le stelle simili al nostro Sole in questo ammasso. Il fatto che l’ammasso si trovi sul piano della Via Lattea rende molto difficile l’analisi delle stelle al suo interno, a causa del grande numero di stelle che si trovano su questo piano. Generalmente, queste stelle sono tuttavia più antiche di quelle dell’ammasso, che è di formazione recente, e quindi un criterio per distinguerle è quello di selezionarle in base all’età.

E che c’entrano i raggi X, che sono la regione spettrale rilevata da Chandra? Le stelle giovani hanno una forte attività magnetica, che riscalda le loro atmosfere portandole anche a decine di milioni di gradi Celsius, emettendo quindi nella regione X. Una volta riconosciute, successive analisi all’infrarosso tramite il Visible and Infrared Survey Telescope for Astronomy (VISTA) permettono poi di ottenere ulteriori informazioni sulle stelle facenti parte dell’ammasso.

In NGC 6231 esistono tra le 5700 e le 7500 giovani stelle nel campo di Chandra. Gli ammassi stellari giovani sono piuttosto studiati e ne esiste un buon campione, ma NGC 6231 aggiunge informazioni molto importanti, in quanto si trova in una fase cruciale, ossia quella in cui la formazione stellare è appena cessata. L’analisi dell’ammasso indica che esso si trovava in uno stato più compatto ed abbia cominciato ad espandersi durante la formazione stellare, ma la velocità di tale espansione non è stata sufficientemente rapida da permettere alle stelle di sfuggire alla presa gravitazionale delle compagne.

Cosa succederà in futuro? Le stelle resteranno unite in un ammasso oppure l’ammasso evaporerà e le stelle si disperderanno, così come un tempo ha fatto il nostro Sole dall’ammasso in cui si è formato?

Fonte: Phys.org

Tutorial: come costruire una molecola isolata a partire da 2 atomi
La reazione chimica più controllata al mondo, eseguita da un gruppo di ricerca della Harvard University, è consistita nell'unione di due atomi per ottenere
Riaccesi i propulsori della Voyager 1
Lo scorso 28 Novembre 2017 un team di ingegneri è riuscito a riaccendere i propulsori della sonda Voyager 1 dopo 37 anni di inutilizzo (1980) da quando furono usati per puntare gli
L'atterraggio del primo stadio del Falcon9 - Rivoluzione nel modo di concepire le missioni spaziali.
Ripresa dal drone dell'atterraggio del primo stadio del Falcon9, sul nuovo "Landing Zone 1" a Cape Canaveral.
La SpaceX
Giove, il gigante: introduzione
Il prossimo 4 luglio la sonda JUNO arriverà in orbita attorno a Giove. Durante l'attesa di questo avvenimento verranno pubblicati su questo blog una serie di approfondimenti riguardo il
Venere: siamo pronti per tornarci
Per quanto riguarda le missioni della NASA, Venere è uno dei più trascurati dei nostri vicini, nonostante la vicinanza sia fisica che evolutiva fa sì che avrebbe molto da dirci anche
La prima immagine 3D di una nube molecolare
Utilizzando il Telescopio Spaziale Herschel dell'ESA, due ricercatori hanno osservato una nube molecolare situata a 570 anni luce di distanza dalla Terra nella costellazione
Oltre le nubi di Venere

Con una pressione circa 90 volte quella terrestre ed una temperatura oltre il doppio della nostra, è un inferno di anidride carbonica avvolto da un banco di nubi di acido solforico. In questo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: