La nebulosa del rettangolo rosso

Come è stata creata l’insolita nebulosa Red Rectangle? Al centro della nebulosa c’è un sistema stellare binario che invecchia sicuramente la nebulosa, ma non ne spiega ancora i colori. La forma insolita del rettangolo rosso è probabilmente dovuta a un denso toroide di polvere che pizzica il deflusso altrimenti sferico in forme coniche che toccano la punta . Perché noi consideriamo il toro di profilo, i bordi di contorno della forma conica s sembrano formare una X .

I pioli distinti suggeriscono che il deflusso si verifica in attacchi precisi. I colori insoliti della nebulosa sono meno conosciuti e la speculazione ci mostra che sono in parte forniti da molecole di idrocarburi che potrebbero essere effettivamente elementi costitutivi della vita organica. La nebulosa del rettangolo rosso si trova a circa 2.300 anni luce di distanza verso la costellazione dell’unicorno ( Monoceros ).

La nebulosa è mostrata qui nel dettaglio come l’immagine recentemente rielaborata da Hubble Space Telescope . In pochi milioni di anni, mentre una delle stelle centrali esaurisce il combustibile nucleare, la nebulosa del rettangolo rosso fiorirà probabilmente in una nebulosa planetaria.

Fonte: Apod – Hubble

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Quando Bohr e Einstein si scontrarono sulla Meccanica Quantistica

Agli inizi degli anni Venti, due delle figure più importanti della fisica moderna si scontrarono a suon di lettere, conti ed esperimenti mentali su una
Un laboratorio a portata di smartphone
Forse non potrà ancora fare il caffè espresso però da oggi il nostro smartphone si trasforma in un perfetto laboratorio di fisica.

Grazie a Phyphox, acronimo per PHYsics PHOne eXperiment,
LED come lucciole? I LEC
Realizzati dai ricercatori delle Università svedesi di Umeå e Linköping coordinati da Ludvig Edman, i LEC sono un dispositivo a stato solido in grado di emettere luce.
LEC è l'acronimo di "Light-emitting
Dodekatheon: ecco la copertina in esclusiva del 4° capitolo dell'Onniologo
Come annunciato da qualche settimana sulla nostra pagina Facebook, Cronache dal Silenzio è stato scelto per ospitare il Cover Reveal del quarto
La Grande Macchia Rossa di Giove sta scomparendo?

Su giove c’è una tempesta immensa, la grande macchia rossa, qualcosa di cui siamo a conoscenza da quasi due secoli ormai. È enorme, più del diametro terrestre, e soffia
SN 1987a, 30 anni dopo
Era il 24 febbraio del 1987 quando venne riportata la scoperta di un oggetto molto luminoso nella Grande Nube di Magellano (una galassia molto vicina alla nostra), il quale doveva aver aumentato
Space Habitat: portare la biosfera sugli altri pianeti

Colonizzare lo spazio in maniera permanente significherà costruire, così come negli ecosistemi terrestri, degli habitat spaziali in grado di supportare la vita dell'essere

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: