Galassie nel Fiume

Le grandi galassie crescono mangiando quelle piccole. Persino la nostra galassia pratica il cannibalismo galattico, assorbendo piccole galassie che si avvicinano troppo e vengono catturate dalla gravità della Via Lattea. In effetti, la pratica è comune nell’universo ed è illustrata da questa sorprendente coppia di galassie interagenti dalle rive della costellazione meridionale Eridano, il Fiume. Situata a oltre 50 milioni di anni luce di distanza, la grande spirale distorta NGC 1532 è vista chiusa in una lotta gravitazionale con la galassia nana NGC 1531 (a destra del centro della galassia), una lotta che alla fine la galassia più piccola perderà. La spirale NGC 1532 si estende per circa 100.000 anni luce. Dettagliatamente descritta in questa immagine nitida, si pensa che la coppia NGC 1532/1531 sia simile al ben studiato sistema di spirale frontale e piccolo compagno noto come M51.

Fonte: APOD, Immagine del Janus Team

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

Wendelstein 7-X uno Stellarator da Record
Il Wendelstein 7-X ha acquisito un nuovo record per gli Stellarator. Negli esperimenti scorsi il reattore ha raggiunto temperature e densità del plasma più elevate, impulsi più
5 legami tra Tolkien, Il Signore degli Anelli e la scienza
Il 3 gennaio 1892 nasceva J.R.R. Tolkien, filologo e scrittore inglese autore del celeberrimo Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit. La sua mitologia ha influenzato
Un nuovo TNO ci dà nuovi indizi su Planet 9
Un team internazionale di astronomi ha rivelato la presenza di un nuovo oggetto trans-nettuniano la cui strana orbita potrebbe essere un'ulteriore evidenza della presenza di
Stephen Hawking: una riflessione sull'uomo
Ieri, 14 marzo 2018, è morto Stephen Hawking. Abbiamo letto messaggi, riflessioni e commemorazioni di tutti i tipi sul web, ad indicare quanto fosse una figura amata da molti.
2022: Red Nova visibile ad occhio nudo dalla Terra
KIC 9832227 è il simpatico nome di un sistema binario di stelle che si prospetta collideranno nel 2022. L'evento sarà luminosissimo, visibile anche ad occhio nudo dalla
A caccia di Asteroidi!
Le missioni spaziali non hanno come unico obiettivo i corpi celesti di grandi dimensioni, come i pianeti del nostro sistema solare e le loro lune, ma anche i corpi celesti più piccoli: gli asteroidi.

Vediamo
DES: termina oggi la Dark Energy Survey
Dopo avere osservato in profondità circa un quarto del cielo australe nel corso di sei anni, la Dark Energy Survey sta concludendo la sua acquisizione dati.

La Dark Energy Survey

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: