Stelle artificiali sul VLT ed il limite di diffrazione

Questa spettacolare fotografia è stata scattata con un drone in volo tra i raggi laser del Very Large Telescope dell’Osservatorio Paranal, in Cile. Ma perché un telescopio dovrebbe sparare un laser verso il cielo?

Il laser viene sparato dal 4 Laser Guide Star Facility, uno strumento per la creazione di stelle artificiali: in pratica il laser viene sparato ad una lunghezza d’onda ben precisa in grado di eccitare le particelle di sodio dell’alta atmosfera che, emettendo luce, forniscono una sorgente luminosa puntiforme ad un’altezza nota e di composizione nota.

L’osservazione tramite telescopio fornisce immagini degradate da due fenomeni fondamentali. Il primo è la diffrazione, che è la deformazione della luce dovuta al fatto che questa entra all’interno di un’apertura (quella del telescopio), così come fanno le onde del mare entrando in una caletta. La seconda sono i moti atmosferici, ricchi di turbolenze e variazioni più o meno improvvise. La deformazione dovuta alla diffrazione non si può correggere, perché dovuta all’esistenza stessa del telescopio, mentre si desidera che i moti atmosferici perturbino la luce in misura inferiore a quanto lo faccia la diffrazione. In tal caso si dice che il telescopio è al limite di diffrazione, e quindi che si è corretto tutto ciò che si poteva correggere.

Le stelle artificiali servono proprio a questo: formando una stella artificiale nell’alta atmosfera che sappiamo come “dovrebbe essere” se non ci fosse la turbolenza atmosferica, possiamo studiare come quest’ultima deformi il fronte d’onda. In questo modo si possono usare delle ottiche adattive, ossia degli strumenti ottici che modificano la propria forma in maniera tale da compensare quasi all’istante le deformazioni legate all’atmosfera. Se queste ottiche funzionano perfettamente e ci si trova nel deserto di Atacama, dove l’atmosfera è molto secca e stabile, si può ottenere il limite di diffrazione e quindi immagini di qualità molto simile a quella dei telescopi spaziali.

Fonte: NASA APOD

Ti piace quello che scriviamo? Scopri qui come puoi sostenerci!

SpaceUp: la Non-Conferenza sbarca a Pisa il 5 e 6 Maggio
La prima SpaceUp ha avuto luogo a San Diego nel 2010, in italia c'è stata un'edizione a Roma nel 2015 ed una a Milano nel 2016. Ma che cos'è SpaceUp, e che cos'è
Le 7 scoperte dei primi 1000 giorni di MAVEN
A novembre 2014 la sonda della NASA MAVEN (Mars Atmosphere and Volatile EvolutioN) si è inserita nell'orbita marziana ed ha iniziato lo studio della sua atmosfera. Ecco i 7
I segni lasciati dall'acqua nei bacini marziani
Su Marte di acqua ce n'era molta, ed i segni della sua permanenza sono ben visibili all'interno dei bacini che la ospitavano. Il cratere di Gale è un perfetto esempio di
Tre sonde nell'aurora

Il 2 marzo 2017 tre missili NASA sono stati lanciati in Alaska durante una spettacolare aurora boreale per lo studio delle interazioni del vento solare con l'alta atmosfera e ionosfera terrestre.
I
10 falsi miti sull'allunaggio
Fin dagli anni '70, le tesi sul complotto dell'allunaggio hanno sempre perseguitato questo evento storico. In questo articolo cerchiamo di fare un po' di debunking sui 10 principali miti
Cambiamento climatico ed attività solare: ci sono legami?
Si tratta di un tema caldo, che scalda gli animi perché spesso intrecciato con la politica, e che scalda anche l'atmosfera del pianeta su cui abitiamo. Spesso
6 GIF che parlano della meteorologia di Marte


Le immagini di Marte spesso ci danno l'impressione che Marte sia un pianeta morto e statico, caratterizzato solamente da qualche sporadica tempesta di sabbia. In realtà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: